Lutto nella musica: morto il leader del famoso gruppo

Uno dei fondatori del trio britannico Bronski Beat è morto all’età di 61 anni. Si tratta del tastierista della band Steve Bronski. 

Steve Bronski (Instagram)
Steve Bronski (Instagram)

Il fondatore di Bronski Beat, Steve Bronski è morto all’età di 61 anni. Il tastierista di Glasweigan, all’anagrafe Steven Forrest, ha formato il gruppo pop insieme a Jimmy Somerville e Larry Steinbachek nel 1983.

La notizia della prematura scomparsa di Steve è stata condivisa dal collega e amico del trio britannico Jimmy sui sui account social. Su Twitter si legge: È triste sapere che Steve Bronski è morto. Era un uomo di talento e con grande senso melodico, si legge nel post.

“Lavorare con lui sulle canzoni e sull’unica canzone che ha cambiato le nostre vite e ha toccato tante altre vite, è stato un momento divertente ed emozionante”, ha rivelato Jimmy, salutando il compagno di avventure di una vita.

La band britannica ha goduto di numerosi successi, dove hanno influenzato la musica del Regno Unito con brani come Smalltown Boy Why?. Ma così come una storica cover di I Feel Love di Donna Summer.

Lutto nella musica, la maledizione del rap: 7 morti in un anno

Chi era Steve Bronski, il successo ed il movimento gay

Steve Forrest era nato il 7 febbraio 1960 ed è cresciuto a Castlemilk, Glasgow. Dopo aver incontrato Larry e Jimmy, durante la realizzazione di un documentario intitolato Framed Youth – Revenge of the Teenage Perverts ad un festival LGBTQ, decide di formare i Bronski Beats.

Il singolo di debutto del gruppo, Smalltown Boy, è diventato un classico del synth-pop raggiungendo la terza posizione nelle classifiche nel 1984. Il trio condivideva un appartamento a Brixton, Londra, e sono stati descritti come “forse il primo vero gruppo gay nella storia del pop”.

Lutto nel mondo della musica, la terribile perdita

Somerville ha lasciato la band nell’estate del 1985 a causa delle tensioni all’interno del gruppo. Mentre Steinbachek è morto nel dicembre 2016, poco dopo che gli è stato diagnosticato un cancro. Nel 2017, Bronski ha continuato la sua attività per sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi omosessuali ed aiutare la comunità LGBTQ.