Reddito di cittadinanza, rinnovo ISEE: data e incidenza sulla ricarica

Uno dei fattori che permettono il pagamento del Reddito di cittadinanza è l’ISEE. Questo va rinnovato per non avere spiacevoli conseguenze.

Reddito di cittadinanza, ISEE (AdobeStock)
Reddito di cittadinanza, ISEE (AdobeStock)

Uno dei fattori che permettono di continuare a ricevere il Reddito di cittadinanza è l’ISEE. Questo, però, deve essere rinnovato ogni anno. L’indicatore misura la condizione economica della famiglia in riferimento a reddito, patrimonio e nucleo familiare. Una volta scaduto, però, la ricarica del Rdc viene sospesa.

L’attestazione ISEE è valida fino al 31 dicembre dell’anno in corso. Per questo può avere una certa incidenza sul reddito di cittadinanza. Dobbiamo sapere che, come riportato dal sito money.it, l’INPS valuta il nucleo familiare periodicamente. Così da procedere alla ricarica. Quindi potremmo avere una cifra diversa da un mese all’altro a seconda delle evoluzioni. Sia in negativo che in positivo. La valutazione fatta dall’Istituto risale fino all’ultimo giorno del mese precedente.

Ad esempio, la ricarica di dicembre farà riferimento fino al 30 novembre. E così via. A gennaio ci sarà quella di dicembre, dove l’ISEE è ancora valido. Il problema sorge a febbraio 2022. Questo perché l’ISEE scade al 31 dicembre e se non c’è una Dichiarazione Sostitutiva Unica aggiornata, la ricarica è sospesa. Adesso andiamo a vedere quando rinnovare l’ISEE e cosa accade dopo.

Reddito di cittadinanza: rinnovo ISEE e conseguenze

Come abbiamo anticipato, per continuare a ricevere il sussidio serve il rinnovo dell’ISEE. Quello che conta sapere, però, è che non c’è una data limite per il rinnovo. L’utente può effettuare il rinnovo con la massima calma. Anche perché, come detto, il pagamento di gennaio 2022 ci sarà sicuramente. Da ricordare che la presentazione viene effettuata con i saldi e le giacenze medie riferite a due anni prima. Per il 2022, ci sarà bisogno di quelli fino al 31 dicembre 2020. Stesso discorso per il patrimonio.

Una volta rinnovato l’ISEE si procederà al ricalcolo del Rdc. Se l’indicatore è uguale non c’è nessun problema. Diverso il discorso in base alle variazioni. Ecco cosa accade in caso di cambiamenti. Non sempre ci potrebbero essere notizie positive.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza sospeso a dicembre? Perché e cosa fare

  • ISEE supera i 9.360,00 euro: il reddito di cittadinanza cessa;
  • Indicatore ISEE sotto soglia di 9.360,00 euro ma con ISR aumentato: qui si verifica un ricalcolo del reddito di cittadinanza che conduce o alla perdita dello stesso. In questo caso i redditi superano la soglia. O una riduzione della mensilità;
  • ISEE sotto soglia di 9.3600,00 euro ma con ISR più basso: qui il ricalcolo poterà ad un aumento della mensilità;
  • Voci invariate rispetto all’anno precedente: in questa situazione, anche la mensilità del reddito di cittadinanza non varia minimamente.