INPS, 850 euro per familiari e titolari di Legge 104: serve questa documentazione

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

L’INPS fornisce supporto sia a persone con disabilità sia ai familiari. Con questo documento si potrebbero 850 euro. Ecco di cosa si tratta.

Assegno Inps Disabili

La Legge 104 va in direzione delle persone affette da grosse disabilità. Come possiamo immaginare, le spese per l’assistenza sono davvero alte e non tutte possono sostenerle. Ad aggiungersi al fattore economiche, c’è anche quello del tempo. I soggetti che si prendono cura della persona disabile deve occuparsi anche di altro. Lavoro, famiglia e tante altre commissioni. Insomma, la gestione non è affatto semplice.

Come possiamo immaginare, dividersi tra queste situazioni non è semplice. Per questo motivo, l’INPS garantisce l’assegno di invalidità con accompagnamento. Così da permettere la massima dell’assistenza al disabile. Anche a ricorrere ad aiuti esterni come badante o personale sanitario.

L’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale aiuta ancora di più quelli che non possono sostenere tali spese. Ai tanti contributi, si aggiunge la possibilità di ricevere 850 euro dall’INPS. Tale scenario riguarda sia il disabile sia i familiari. Per riceverlo, però, serve una documentazione da inviare entro 60 giorni. Andiamo a vedere nei dettagli di cosa si tratta.

INPS, 850 euro per familiari e titolari Legge 104: ecco cosa serve

Per ottenere questo sussidio si valuterà la situazione della persona disabile e se queste rientrano nella tabella INPS. Inoltre l’assegno di 850 euro potrà essere richiesto dai soggetti con ISEE da 16.000 a 24.000 euro. L’accesso all’assegno, però, deve avvenire, come riportato da proiezionidiborsa, tramite Home Care Premium. Infatti, il contributo è per chi assume personale a seguito di una richiesta di assistenza domiciliare.

Nel bando proposto dall’INPS, ci sono le tabelle che indicano l’importo in base al grado di disabilità. E, come possiamo immaginare, il totale dell’assegno può aumentare o diminuire in base al reddito. Per ottenerlo, però, è fondamentale che entro 60 giorni dall’entrata in graduatoria ci sia la stipulazione del contratto dell’assistente.

LEGGI ANCHE >>> INPS, arriva l’anticipo sugli accrediti: le date di Rdc, REM, bonus e NASpl

Nello stesso periodo di tempo, si dovrà inserire il numero di contratto dell’assistente nella procedura Home Care Premium. I vincitori che non inseriranno questo documento nella piattaforma, verranno considerati rinunciatari dall’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale.