Chi è Gabriele Salvatores: età, carriera, moglie, figli e vita privata del regista

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Gabriele Salvatore è uno dei registi italiani più acclamati dalla critica. Conosciamo meglio la sua vita privata e professionale. 

Gabriele Salvatores (Getty Images)
Gabriele Salvatores (Getty Images)

Tra i registi più popolari e premiati nel mondo della cinematografia troviamo Gabriele Salvatores. Il cineasta italiano ha riscosso grande successo, riuscendo a conquistare pubblico e critica grazie al film Mediterraneo, vincendo anche uno storico premio Oscar.

Questo pomeriggio sarà ospite nel talk show di Rai 1, Oggi è un altro giorno di Serena Bortone. Nel salottino parlerà dei suoi progetti cinematografici e avrà modo di raccontare Tutto il mio folle amore, pellicola che verrà trasmessa questa sera sul primo canale nazionale. Conosciamolo meglio e vediamo il suo percorso artistico e la sua vita privata.

Chi è Gabriele Salvatores: età, studi, teatro, biografia

  • Nome: Gabriele Salvatores
  • Data di nascita: 30 giugno 1950
  • Luogo di nascita: Napoli
  • Età: 71 anni
  • Segno zodiacale: Cancro
  • Professione: regista e sceneggiatore italiano

Gabriele Salvatores è nato il 30 giugno 1950 a Napoli sotto il segno del Cancro. Quando aveva solamente sei anni decide di trasferirsi a Milano con i genitori e la sorella Donatella, che poi è diventata insegnate di inglese. Nella città meneghina ottiene la licenza classica al liceo classico Cesare Beccaria. 

Insieme a Ferdinando Bruni inizia ad inserirsi nel mondo artistico fondando il Teatro dell’Elfo nel 1972, dirigendo importanti spettacoli teatrali. Nel 1983 è un’annata molto proficua. Dirigendo lo spettacolo Sogno di una notte d’estate, ispirato a Shakespeare, prende spunto per il suo primo film.

Sempre in quell’annata dirige a teatro l’opera Nemico di classe, con importanti interpreti quali Claudio Bisio, Paolo Rossi e Antonio Catania. Nel 1985 invece dirige Silvio Orlando in Comedians e consacrò nel 1987 Paolo Rossi con lo spettacolo Chiamatemi Kowalski.

La carriera cinematografica

Il passaggio definitivamente dal teatro al cinema arrivo nel 1989 con la pellicola Marrakech Express. Nel 1990 dirige Diego Abatantuono e Fabrizio Bentivoglio nel film Turné. Ma l’anno d’oro è il 1991 quando gira Mediterraneo.

Il film lo consacra a livelli internazionali, dove vince il premio Oscar al miglior film straniero, poi il David di Donatello per il miglior film, il montaggio e il suono e un Nastro d’argento per la regia. Dopo Mediterraneo continua a girare e scrivere film: Puerto Escondido, Sud e Nirvana.

A cavallo tra gli anni Novanta e il Nuovo Millennio inizia un periodo di sperimentazione narrativa. Nel 2003 inoltre è alla regia di Io non ho paura e due anni dopo di Quo vadis, baby?. L’ultima pellicola da lui diretta è Tutto il mio folle amore con Claudio Santamaria.

Gabriele Salvatores, vita privata: moglie, malattia

Per quanto riguarda la sua vita privata, sappiamo che Gabriele è legato sentimentalmente a Rita Rabassini, scenografa nota nel mondo della cinematografia. È conosciuta anche per essere l’ex moglie dell’amico Diego Abatantuono, protagonista del film Mediterraneo.

Tra i due però si è mantenuto un ottimo rapporto, anzi si considerano una famiglia allargata. Inoltre sappiamo che non ha figli. “La sensazione che avevo quando ero giovane era quella di non potermi occupare veramente di un figlio”, ha confessato in un’intervista.