TARI, sapete dove si paga di più la tassa sui rifiuti? Classifica 2021

Ci sono differenze di costi e prezzi rispetto alla TARI, la tassa sui rifiuti, tra regioni: quali sono le città e le Regioni dove si paga di più?

TARI, sapete dove si paga di più la tassa sui rifiuti? Classifica 2021
Tasse (fonte foto: Pixabay)

L’argomento tasse e costi da sostenere desta comprensibilmente molta attenzione, e tra queste vi è la TARI, la tassa sui rifiuti con alcuni rincari e il relativo fenomeno che, spiega money.it, è a livello nazionale, sebbene vi sia differenza di prezzi tra Regioni e Regioni: dove si paga di più?

Ad essere presi in considerazione da money.it sono i dati che sono emersi dall’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva; in media, nel 2021, una famiglia ha avuto un costo di 312 euro circa la TARI, con un aumento del 1,5% se paragonato all’anno precedente, quando in media erano 307 euro.

Ad emergere è anche un altro dato, ovvero la differenza che vi è tra Regioni diverse, sia per quel che concerne le tariffe che per quanto riguarda la gestione e l’amministrazione del servizio, si legge.

Qual è dunque la classifica 2021 delle Regioni e delle città più care per la TARI, tassa sui rifiuti?

TARI, città e regioni più care, la classifica 2021 in merito alla tassa sui rifiuti

Desta grande attenzione il discorso inerente, come detto, la TARI, la tassa sui rifiuti, e come viene spiegato da money.it, in virtù dei dati dell’osservatorio di Cittadinanzattiva, si possono notare le città e le regioni dove questa risulta essere più alta.

Per quel che riguarda le regioni, al primo posto vi è la Campania, con 416 euro di Tarli all’anno ed un ribasso di -1% se paragonato al 2020, con il prezzo che era di 419. Raccolta differenziata stabile al 52,7%.

Al secondo vi è la Liguria, con 407 euro ed un amento del +10% rispetto al 2020, quando era pari a 369 euro. Raccolta indifferenziata al 53,4%.

Sul podio al terzo posto vi è e anche la Sicilia, con 386 euro ed un ribasso di -1% rispetto al 2020.

La classifica prosegue con la Puglia al quarto posto con 381 euro e +3%; Umbria con 371; Toscana con 339 euro; Lazio con 331 euro; Abruzzo con 329 euro; Calabria con 324 euro; e Sardegna con 323 euro.

Money.it spiega che dalla classifica in generale emergerebbe un gap tra nord e sud rispetto alla gestione dei rifiuti urbani, eccezion fatta per la Liguria. Il Veneto è la regione meno cara, con 232 euro di Tari e con una raccolta differenziata che si attesta al 72%.

LEGGI ANCHE >>> Bonus spesa dicembre 2021, in alcune città raddoppia: scopri se c’è anche la tua

TARI, le città più care dove la tassa di rifiuti si paga di più

Per quanto riguarda invece le 10 città più care, al primo posto vi è Catania con 504 euro. A seguire, c’è Genova con 480 euro e Benevento, con 464 euro.

Salerno è al quarto posto con 462 e Napoli, con 455. Reggio Calabria in sesta posizione con 443 euro fa registrare gli stessi costi di Pisa, mentre in ottava posizione c’è Agrigento con 428 euro. A chiudere la classifica delle dieci città ci sono Messina, con 422 euro ed Andria, con la medesima cifra.

Per quel che riguarda la Capitale, di cui tanto si parla come noto rispetto al tema dei rifiuti, Roma registra un piccolo aumento del +1,3%, e passa da una tassa di 389 euro ai 394 di oggi.