INPS, le date da segnare sul calendario: RdC, pensioni e Assegno Unico

Quali sono le date dei pagamenti del Reddito di Cittadinanza, Assegno Unico e pensioni? Occhio alle date da segnare sul calendario

INPS, le date da segnare sul calendario: RdC, pensioni e Assegno Unico
Conti e denaro (fonte foto: Adobe Stock)

Un tema che comprensibilmente sta a cuore a molti e che è dunque di grande attenzione, quello dei pagamenti Inps delle misure come Reddito di Cittadinanza, Assegno Unico, o ancora delle pensioni: quali sono le date da segnare sul calendario per quanto riguarda novembre?

C’è sempre un interesse molto alto al riguardo, anzitutto per l’importanza ovvia dei pagamenti, che si porta dietro ansia e preoccupazione da parte dei beneficiari per eventuali ritardi, eventuali pagamenti in sospeso e quant’altro, e con un sospiro di sollievo ogni volta che gli importi vengono, per così dire, caricati.

A provare a fare chiarezza sulle date ci ha pensato trend-online.com, spiegando anzitutto che per quanto riguarda il reddito di cittadinanza, per legge ci sono due date inerenti al pagamento dello stesso, il 15 e il 27 del mese.

Rispetto alla prima data si fa riferimento, si legge, ai beneficiare che percepiscono la misura per la prima volta o che hanno appena ricevuto il rinnovo dopo i 18 mesi. Riguardo il 27 invece, si legge ancora, vanno fatte delle precisazioni.

INPS pagamenti novembre, il reddito di cittadinanza

Grande attenzione dunque, come detto, sul tema dei pagamenti e sulle relative date da segnare sul calendario, a cominciare proprio dal reddito di cittadinanza, di cui ha avuto modo di approfondire il tema trend-online.com.

Rispetto alla data del 27, come sopra accennato, vi sono delle precisazioni, si legge, spiegando anzitutto che tale data riguarda il pagamento dei vecchi percettori della misura. Si legge ancora che si tratterebbe di una data indicativa poiché l’INPS avrebbero tempo fino all’ultimo giorno del mese per erogare il sussidio.

Rispetto al pagamento del 15, questo è stato confermato, ma rispetto a quello del 27, trend-online spiega che cadendo tale giorno di sabato, i pagamenti sarebbero anticipati al 26 novembre. Si legge inoltre che l’Istituto Nazionale di Previdenza sociale non fornirebbe circolari a proposito di pagamenti da corrispondere e che eventuali anticipi o ritardi sarebbero comunicati mediante i canali social.

Per avere maggiore chiarezza, si specifica, l’utente può consultare il proprio fascicolo fiscale per ottenere informazioni più chiare. Trend-online.com sottolinea inoltre che dal momento del pagamento a quello in cui si realizza possono trascorrere fino a cinque giorni lavorativi.

INPS pagamenti novembre, quando arriva l’Assegno Unico?

Altra importante misura oggetto di grande attenzione è l’Assegno Unico Temporaneo, con gli utenti che al pari di altri, si chiedono quando arrivi nell’arco del mese di novembre.

Va a tal riguardo sottolineato che tale misura è per l’appunto temporanea, mentre nel 2022 a partire sarà l’Assegno Unico Universale. 

Rispetto ai pagamenti di novembre, Trend-online.com spiega anche entro il 20 novembre 2021 i beneficiari, coloro che ne hanno fatto richiesta ovviamente secondo modalità, requisiti e condizioni, potrebbero ricevere i pagamenti dei mesi di luglio, agosto e settembre e forse anche ottobre.

LEGGI ANCHE >>> INPS, arriva la quarta mensilità del reddito di emergenza: c’è la data

Inps e pensioni, quando arrivano?

Anche le pensioni, come di consueto, sono attese da parte dei contribuenti con grande attenzione, il tema è caldo anche dal punto di vista dell’attualità. Basti pensare di recente alla questione che si è sollevata e a quanto si è dibattuto ad esempio in merito quota 100.

Rispetto alla pensione di vecchiaia, trend-online.com ricorda che si tratta di coloro che hanno raggiunto entro il 31 dicembre 2020 unità di 67 anni e con un versamento di contribuiti di almeno 20 anni.

Si legge che le data in merito all’erogazione della pensione avrebbe inizio sin dal 25 novembre e terminerebbe il primo di dicembre, in modalità scaglionata ed in anticipo. L’ordine di erogazione che sarebbe rispettato sarebbero quello alfabetico, per cognome.

E in particolare sarebbero:

  • A – C: 25 novembre
  • D – G: 26 novembre
  • H – M: 27 novembre
  • N – R: 29 novembre
  • S – Z: 1° dicembre.

Si specifica, su trend-online, che il trenta non vi saranno pagamenti, essendo domenica, cosi come, si legge ancora, coloro che dovranno aspettare un po’ di più sarebbero i pensionati che ricevono l’importo sul conto corrente, con il pagamento che sarebbe erogato il primo dicembre, primo giorno bancabile del mese.

Ad ogni modo ed in ogni caso, quando si parla di temi importanti come misure, erogazioni, pagamenti e quant’altro, è bene ed opportuno informarsi presso gli esperti del campo, Enti e specialisti, al fine di ricevere informazioni precise e maggiormente dettagliate.