Bonus Rottamazione TV, fino a 100 euro: come funziona e come richiederlo?

Come funziona e come richiedere il bonus rottamazione tv? Tutti i dettagli e i particolari al riguardo, ecco di che cosa si tratta

Bonus Rottamazione TV, 20% di bonus fino a 100 euro: come funziona?
TV (Fonte foto: Pixabay)

Destano grande attenzione e curiosità gli argomenti inerenti i bonus, proprio come quello della rottamazione tv: ma come funziona e come fare per richiederlo? I dettagli e i particolari da conoscere, di che cosa si tratta in particolare.

Sin dal 23 agosto, i rivenditori di apparecchi televisivi possono fare l’accesso alla piattaforma che è stata messa a disposizione al fine di ricevere l’autorizzazione per il rilascio del bonus in questione. 

Si tratta di un contributo legato all’acquisto di televisori di nuova generazione. Un incentivo teso a favorire l’acquisto di apparati che siano compatibili con il nuovo standard di trasmissione del digitale terrestre DVB-T2 – HEVC MAIN 10.

Per poter beneficiare di tale bonus, è necessario rottamare allo stesso tempo un televisore che è stato acquistato prima della data del 22 dicembre 2018, la data in cui entrato in vigore il nuovo standard di codifica.

Un bonus dunque che favorisce la sostituzione degli apparecchi obsoleti mediante il giusto smaltimento dei rifiuti elettronici, in considerazione del rispetto dell’ambiente.

Bonus Rottamazione tv, a chi spetta? Requisiti e condizioni

Tema di grande interesse dunque, quello inerente ai bonus e agli incentivi, proprio come in questo caso, con una misura che è rivolta, come si può leggere su mise.gov.it, a tutti i cittadini residenti in Italia e senza limite di ISEE.

Per quanto riguarda le condizioni, l’agevolazione in questione si lega al nucleo familiare, poiché viene concesso soltanto un bonus per l’acquisto di un televisore per famiglia.

I requisiti da dover rispettare a tal riguardo sono tre, ovvero: la residenza in Italia; la corretta rottamazione di un televisore acquistato prima della data del 22 dicembre 2018;  essere in regola con il pagamento del canone di abbonamento al servizio di radiodiffusione.

Si legge inoltre che il bonus può essere richiesto anche da persone fisiche residenti in Italia che, al 31 dicembre 2020 risultino avere un’età pari o superiore a 75, che siano esenti dal pagamento del canone al servizio di radiodiffusione in virtù di un reddito familiare annuo che non supera gli 8 mila euro, secondo quanto stabilito dall’art. 1, comma 132, della legge n. 244 del 2007.

LEGGI ANCHE >>> Bonus Natale 2021: come funziona, a chi spetta e quando arriva

Come funziona il bonus rottamazione tv e scadenze

Su mise.gov.it, si legge in merito al bonus rottamazione tv, che si tratta di uno sconto del 20% sul prezzo di acquisto fino ad un massimo di euro 100, e che tale agevolazione richiede anzitutto il download e la compilazione del modulo di autodichiarazione che possa certificare il corretto smaltimento del televisore.

La suddetta rottamazione può essere fatta mediante i rivenditori aderenti all’iniziativa presso cui ci si reca per acquistare il televisore, consegnando quello obsoleto. Sarà, si legge, lo stesso rivenditore ad occuparsi dello smaltimento.

Inoltre, si legge ancora, il vecchio TV può essere consegnato in una isola ecologica prima di acquistarne una nuova, con l’addetto del centro di raccolta RAEE che dovrà convalidare il modulo legato alla consegna dell’apparecchio.

Modulo firmato alla mano, l’utente potrà procedere all’acquisto usufruendo dello sconto sul prezzo in un punto vendita.

Per quanto riguarda la data entro cui è possibile usufruire del bonus, si legge quella indicata del 31 dicembre 2022 o “all’esaurimento delle risorse stanziate”.