Valentino Rossi, l’addio scritto nel destino? La data svela tutto

Valentino Rossi ha appena corso la sua ultima gara di MotoGP. Oltre i tanti omaggi, spunta fuori una curiosità che lo lega a questo giorno.

Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)

Quando finisce la carriera di uno sportivo leggendario, nascono attorno a se tantissime curiosità. Il Dottore, Valentino Rossi, ha appena concluso il suo ultimo tango sulle due ruote. Una carriera incredibile che lo ha portato ad essere una leggenda di questo sport.

La carriera di Valentino Rossi non ha bisogno di presentazione. Quando un atleta impone la sua impronta nel suo sport di riferimento deve essere ringraziato per i tanti momenti in cui ci ha fatto gioire. Il Dottore è stato fondamentale non solo per gli appassionati sulle due ruote ma anche per tutti gli italiani.

Una leggenda nel vero senso della parola che non può aver che lasciato tante emozioni. Il suo addio verrà ricordato anche tramite social. In questi giorni che hanno accompagnato la gara, molti hanno lasciato dei messaggi verso il campione marchigiano.

L’addio di Valentino Rossi: la data è un segno del destino?

Quando un atleta, al di là dello sport, diventa una leggenda attira attorno a se tutta una serie di curiosità. Valentino Rossi, nella sua carriera, ha sempre fornito dei festeggiamenti ricchi di significato. Sia in gara che fuori ha sempre mostrato la sua enorme personalità. Come in questo caso. Anche se, probabilmente, è una cosa non voluta. Il suo addio si intreccia con la data.

Ha concluso in grandissimo stile come da sua tradizione. Oggi tutti gli occhi sono puntati su di lui. A dimostrazione della grandezza del Dottore. Anche la chiusura della sua carriera nasconde una curiosità. Ci riferiamo alla data in cui si è conclusa la sua carriera. Se sommiamo giorno, mese e ultime due cifre dell’anno il risultato ci da 46. Proprio il numero della leggenda italiana su due ruote. Insomma, sembra proprio un segno del destino.

LEGGI ANCHE >>> Valentino Rossi, “furto” alla Yamaha: non la prenderanno bene

Come detto, sarà una pura coincidenza. Resta il fatto che il caso ha voluto che chiudesse la sua storia in una data iconica. Possiamo affermare con certezza come, il 14 novembre 2021, potrà essere ricordato anche per questa piccola, grande, curiosità.