Bancomat, ipotesi supertassa: sorridono le banche, molto meno i consumatori

L’ipotesi della supertassa sui prelievi al bancomat spaventa molti consumatori: cos’è, di cosa si tratta e perché è temuta: i dettagli

Bancomat, ipotesi supertassa: perché spaventa i consumatori?
Bancomat (fonte foto: AdobeStock)

Quando si parla di denaro, comprensibilmente l’attenzione di tutti è sempre molto alta, a maggior ragione se tale concetto viene associato ad altri, come ad esempio il prelievo, il bancomat e l’ipotesi della supertassa che fa discutere molto: ma di che cosa si tratta in particolare?

Come si può leggere da siti come trend-online.it o TheWarm.net, per citarne un paio, a colpire l’attenzione è l’idea, ovvero la possibilità secondo cui le banche potrebbero essere libere di applicare la commissione desiderata senza dei limiti o delle indicazioni generali.

Una opzione che finirebbe, si legge, per penalizzare i clienti e i titolari di conti corrente presso intermediari finanziari che agiscono soprattutto online. Si tratta, è bene sottolineare, di una ipotesi al momento, mentre l’Antitrust ha per ora rinviato ogni decisione in merito alla proposta di Bancomat, si legge, al prossimo anno.

L’ipotesi prevederebbe nuove regole in merito al prelievo dei contanti, eliminando la commissione interbancaria che è pari a 0,50 centesimi di euro con un’altra che sarebbe decisa dalla banca a cui appartiene lo sportello automatico.

Bancomat e l’ipotesi Supertassa: il contrasto all’evasione fiscale

La lotta all’evasone fiscale e il tracciamento dei flussi di denaro è una battaglia molto importante che proprio nel tracciamento può avere, tra gli altri mezzi e strumenti, grandi possibilità tesi ad un maggior controllo ed ad un miglioramento della situazione, riducendo il contante a favore di una presenza sempre più costante del pagamento digitale.

Su siti come TheWarm.net si leggono di quelle che potrebbero essere le possibili conseguenze di tale modifica, e si possono a tal riguardo leggere anche i rilievi fatti da Altroconsumo che ha evidenziato alcune criticità in merito al progetto di Bancomat.

Tra queste, la proposta finirebbe per penalizzare coloro che sono clienti di banche diffuse in modo minore e che hanno meno sportelli; tali clienti avrebbero necessità di compiere l’operazione presso sportelli di altri Istituti pagando le commissioni decise da altre banche.

Senza conoscerne magari l’entità o solo al momento del prelievo, si legge su trend-online.it, a meno di non imparare a memoria le condizioni di tutti gli istituti, spiega TheWarm.net.

LEGGI ANCHE >>> Da Postepay a Postepay, trasferire soldi: il dettaglio poco noto

Altri rilievi di Altroconsumo, che si possono leggere su TheWarm.net, riguardano eventuali penalizzazioni a proposito delle banche completamente online, si pone il punto della trasparenza. Questi, alcuni punti rilevati.

Va ribadito che al momento si tratta di una ipotesi e che è oppornto ed importante approfondire questa, come altre questioni, con esperti del settore al fine di poter chiedere maggiori informazioni ed avere chiarimenti per ogni dubbio.