Ritirati farmaci per la pressione, attenzione a queste confezioni: la lista

L’azienda farmaceutica Sanofi ha annunciato il ritiro volontario, per riscontrate anomlie, di numerosi farmaci per il controllo della pressione arteriosa.

Farmaci per ipertensione
Farmaci per ipertensione

Chi soffre di ipertensione, per ragioni congenite, o per un errato stile di vita legato al sovrappeso e alla vita sedentaria, lo sa e non può farne a meno. I farmaci per tenere sotto controllo la pressione arteriosa, regolando quindi la cosiddetta “minima e massima”, anche se in un certo senso non possono essere classificati come salvavita, come quelli per il cuore, aiutano nel tempo ad evitare l’aggravarsi di certe anomalie fisiche.

E poi lo stress, l’ansia, il ritmo frenetico della vita quotidiana, la sedentarietà, il sovappresso, nonchè i nemici numero uno della salute come fumo e alcol, comportano che sempre più persone, su consiglio del proprio medico, cominciano ad assumere medicine per il controllo della pressione.

Ipertensione: la malattia degli italiani anche under 40. Indispensabile assumere farmaci

Soggetti giovanissimi, anche sotto i 40 anni, cominciano a diventare nel nostro Paese habituè di questi farmaci e non devono più smettere, fino all’ultimo giorno della loro vita. Nello stesso tempo, durante il proprio percorso, capiterà di frequente di dover cambiare tipo di farmaco per regolare la propria pressione, adottando magari un principio attivo diverso su consiglio del proprio medico di base o di uno specialista in malattie cardiovascolari. E tutto questo accadrà quando, inevitabilmente, muteranno in meglio, ma ahimè spesso in peggio, le proprie condizioni, trovandosi costretti ad assumere farmaci diversi e più forti. Oppure sarà il nostro medico a prescriverci un dosaggio diverso.

Le aziende farmaceutiche hanno però anche il compito, di concerto con i professionisti che rivendono a noi cittadini i medicinali, di attuare anche una doverosa attività di controllo sulla qualità dei lotti. Perché come accade per i prodotti alimentari, anche i farmaci possono riscontrare delle anomalie nella produzione che potrebbero causare numerose problematiche alla nostra salute. I controlli preventivi, perciò, oltre che moralmente, sono obbligatori per legge.

Anomalie farmaci: controlli e ritiri immediati, è accaduto con Sanefi

Tutto questo è accaduto con l’azienda farmaceutica Sanefi che, negli ultimi giorni, si è trovata costretta a mettere in atto il ritiro di alcuni lotti di medicine considerati potenzialmente pericolosi. Si tratta di farmaci per il controllo della pressione arteriosa.

Un maxi ritiro volontario giustificato da una motivazione ben precisa. Diversi lotti di medicinali contengono nel principio attivo Irbesartan livelli di azido-impurezze superiori ai limiti consentiti. Le impurezze nei prodotti farmaceutici derivano principalmente dalla sintesi e/o dalle materie prime utilizzate. In generale, la loro concentrazione è molto bassa, ed è quindi necessaria un’analisi a livello di tracce.

Va detto che sono davvero molti i farmaci in Italia a base del principio attivo Irbesartan (antipertensivo).

Sebbene non sia un’impurezza in senso stretto, l’acqua, ad esempio può essere considerata una sostanza indesiderata nei prodotti farmaceutici. La qualità, l’efficacia e la durata dei prodotti farmaceutici dipendono in larga misura dal loro contenuto di acqua, motivo per cui è attribuita una grande importanza alla determinazione dell’acqua nelle analisi farmaceutiche.

L’azide, utilizzata nella sintesi dell’antipertensivo Irbesartan, può essere rilevata in tracce come impurezza nel prodotto. Le impurezze anche in piccole concentrazioni possono causare effetti collaterali significativi. Ne elenchiamo alcuni, dai più frequenti ai più estremi: Dolori addominali, Nausea, Sudorazione, Caduta della pressione sanguigna, Aumento della frequenza cardiaca, Debolezza, Vista offuscata., Shock o collasso.

LEGGI ANCHE >>> Attenzione a questo alimento: è vietato mangiarlo se assumi alcuni farmaci

La lista dei lotti “richiamati” con le relative scadenze è la seguente. Ed è bene tenerle a mente: nel caso qualcuno abbia acquistato qualcuno di essi, prima del ritiro da parte dell’azienda dalle farmacie, questi lotti non vanno assolutamente consumati.

AIC FARMACO LOTTO SCADENZA

033264045/E APROVEL 150MG FT040 mar-23
033264045/E APROVEL 150MG FT049 mar-23
033264045/E APROVEL 150MG ET049 mag-22
033264045/E APROVEL 150MG ET050 mag-22
033264045/E APROVEL 150MG FT077 giu- 23
033264045/E APROVEL 150MG FT084 giu- 23
033264072/E APROVEL 300 MG FT090 giu-23
033264072/E APROVEL 300 MG FT091 giu-23
033264072/E APROVEL 300 MG FT092 giu-23
034191015/E COAPROVEL 150/12,5MG FT020 feb-23
034191080/E CO APROVEL 300/25 MG FT027 gen-23
033263043/E KARVEA 150 MG FT055 mar-23
033263043/E KARVEA 150 MG FT056 mar-23
033263043/E KARVEA 150 MG FT083 giu-23
033263043/E KARVEA 150 MG ET040 nov-22
033263043/E KARVEA 150 MG ET065 mag -22
033263070/E KARVEA 300 MG FT024 gen-23
033263070/E KARVEA 300 MG FT025 gen-23
033263070/E KARVEA 300 MG FT087 giu-23
033263070/E KARVEA 300 MG FT025A gen-23
034190013/E KARVEZIDE 150/12,5MG FT037A feb-23
034190088/E KARVEZIDE 300/25 MG FT026 gen-23
034190088/E KARVEZIDE 300/25 MG ET054 mag-22