Postepay, quanti soldi si possono trasferire e come farlo?

Possedere una PostePay, che altro non è che la carta ricaricabile di Poste Italiane, può offrire innumerevoli vantaggi. E grazie all’informatizzazione del “sistema Poste”, tutte le operazioni, se fatte on line, risultano essere agevoli e veloci.

Postepay
Postepay

Una PostePay Standard, evolutasi negli anni in PostePay Evolution, rappresenta in fondo il perfetto binomio tra un conto bancario, si possiede un iban per fare bonifici e riceverli, e una carta di credito

Pur non avendo le complete funzioni né dell’una, né dell’altra, la postepay, nella sua versione più innovata, rientra da una parte nel circuito Mastercard-Visa, proprio come una carta di credito. Consente quindi di fare acquisti on line e di essere “strisciata” nei negozi. Con l’unica differenza che la banca non ti anticipa denaro che devi restituire a rate o dopo 30 giorni. Ma sei tu a regolare i tuoi consumi e le tue disponibilità ricaricando la postepay. Dall’altra, pur non essendo un conto bancario, ti puoi permettere di avere un filo diretto con chi un conto in banca ce l’ha. E quindi puoi ricevere pagamenti bancari e nel contempo fare pagamenti a conti bancari tu stesso. Visto che tra tutte le funzioni dell’app poste italiane o del sito web poste italiane, si prospetta anche la possibilità di poter fare bonifici. Ma non solo, le operazioni più veloci riguardano “la comunicazione immediata” tra una PostePay e l’altra.

Da Postepay a Postepay: un mondo infinito di possibilità

On line, ricaricare un’altra carta posta pay trasferendo denaro dalla propria, è davvero agevole. E soprattutto ci vogliono pochissimi minuti e il trasferimento di denaro è immediato. Sempre tramite il sito di poste italiane o l’app, una volta che ti sei registrato e che possiedi un’account, potrai quindi per esempio ricaricare velocemente la tua carta o quella di un’altra persona. Da dove si può prelevare denaro? Ma da un’altra carta di credito naturalmente, o meglio ancora da un’altra postepay, da cui è possibile attingere. Si entra nel proprio account, si inseriscono le proprie credenziali, si controlla il saldo e la lista movimenti della propria postepay. A quel punto si procede con una ricarica di una carta, che potrebbe essere anche la propria, quella in cui siamo entrati. Ovviamente non si può prelevare denaro da se stessi, per darlo a se stessi. Per questa ragione per ricaricare on line la propria carta on line in genere ci si appoggia a una carta di credito bancaria. Il circuito deve essere il medesimo, Visa o Mastercard, della propria postepay.

Trattandosi di una carta prepagata e ricaricabile, l’unico incomodo che si prospetta al suo fruitore è la necessità di rimpinguarla costantemente. Ma con le operazioni on line, se si possiede, come già detto, una carta di credito con fido bancario, non è necessario uscire di casa per recarsi al bar tabacchi a versare contanti oppure all’ufficio postale.

Limitazioni e vantaggi di una ricaricabile di Poste Italiane

Il pericolo che la propria postepay venga clonata è frequente. Navigando on line, esponendosi ad abbonamenti vari, inserendo di continuo la propria carta, si rischia che non appena ci sia qualche soldo, quest’ultimo ci venga prelevato. Meglio fare attenzione, cercare il modo di non iscriversi e registrarsi ovunque, per non rischiare di sottoporre la carta a prelievi automatici continui. Inoltre è importante che sulla nostra postepay ci sia solo il denaro che ci serve per quelle operazioni immediate nell’arco di 1-2 giorni.

Ricaricando dell’importo da utilizzare si evitano indebite e illecite decurtazioni dal saldo. Ciò in vista di acquisti online che potrebbero più di frequente esporre il consumatore all’eventualità che la carta venga clonata.

Trasferire denaro da una postepay all’altra rappresenta una operazione immediata, ma si tratta di una vera e propria “azione finanziaria”, quindi vi sono delle regole e delle limitazioni da rispettare. Il pagamento segue le stesse procedure di qualunque altra carta di pagamento e di credito. Ne consegue che qualora l’importo da pagare sia inferiore ai 25 euro il titolare di una carta non avrà necessità di digitare il pin. Questo vale nei negozi e nei supermercati.

E per quanto riguarda la limitazione delle cifre? Il limite di ricarica massima che può essere effettuato su una PostePay Standard è di 3.000 euro, in pratica coincide con il plafond massimo della Carta. Nel corso di 1 anno è possibile ricaricare 50.000,00 euro annui, ricaricati sul totale delle carte nominative intestate allo stesso Titolare.

Il medesimo discorso vale nel trasferimento di denaro da carta a carta: si tiene in considerazione sempre il plafond della carta.

LEGGI ANCHE >>> Riscaldamento e caldaia, bonus senza ISEE: requisiti, come chiederlo

Non dimenticare che le operazioni non si fanno solo on line. Ma oltre che da sportello, puoi trasferire denaro da una postepay all’altra anche tramite atm. Infatti occorre solo che tu vada all’esterno di un ufficio postale dove troverai uno sportello automatico e potrai fare una ricarica veloce di soldi da una ricaricabile a un’altra al costo di 1 euro.