Attenzione a questa crostata: possibile presenza di una sostanza cancerogena

Ancora un richiamo precauzionale dal Ministero della Salute. Questa volta nel mirino è entrata una crostata alla ciliegia per la possibile presenza di ossido di etilene. 

Crostata alla ciliegia (AdobeStock)
Crostata alla ciliegia (AdobeStock)

Recentemente abbiamo visto alcuni prodotti del noto marchio Isola Bio essere ritirati dal mercato. Dopo questa segnalazione, il Ministero della Salute continua a monitorare i prodotti alimentari. Tra i prodotti che sono finiti sotto l’occhio del ciclone a causa di una presenza nociva è una crostata alla ciliegia.

L’alimento, molto usato nelle case degli italiani in quanto è considerato un ottimo prodotto sia per la colazione che per la merenda, è stato richiamato per la possibile presenza di una sostanza nociva. A fare la segnalazione alle istituzioni è stato il supermercato Carrefour, noto per avvisi di questo genere.

Secondo quanto riferito, i lotti segnalati dal negozio alimentare e che sono stati richiamati in via preventiva sono due. Entrambi sono con marchio Brusa. Appena dato l’avviso, sono state riferite alcune indicazioni per i consumatori ed i motivi che hanno portato a questa decisione.

Crostata alla ciliegia ritirata: i motivi

Come abbiamo detto, due lotti di crostata alla ciliegia sono stati segnalati e poi ritirati dal mercato. Si tratta dei dolci a marchio Brusa, prodotti dalla nota azienda Forno Miotti, il cui stabilimento si trova in una località in provincia di Padova, precisamente a San Giorgio delle Pertiche in via Europa 14.

L’avviso dei motivi che hanno portato a questa drastica decisione è stato diffuso dal supermercato Carrefour. Questo sottolinea la “presunta presenza di ossido di etilene all’interno di un ingrediente nei lotti di prodotto” indicati.

Le confezioni a cui bisogna stare attenti sono quelle con il lotto 21140 da 500 grammi, la cui data di scadenza è il 30/11/2021; e quelle con il lotto 21159, sempre da 500 grammi, ma con data di scadenza il 30/12/2021. Chiunque è in possesso di uno dei due lotti, si consiglia di non consumarli e restituirli al punto vendita.

LEGGI ANCHE >>> Attenzione a questi prodotti alimentari: richiamati per una sostanza pericolosa

L’azienda, inoltre, ci tiene a specificare che i prodotti analoghi del Forno Miotti e con lotto diverso, non sono stati richiamati dal ministero e quindi possono essere tranquillamente consumati.