Tommaso Zorzi dà lezione di cannabis: “Italia codarda”

Tommaso Zorzi su Instagram condivide alcune riflessioni in merito ad un tema d’attualità molto discusso: cos’ha detto il noto personaggio

"Paese codardo", la "battaglia" di Tommaso Zorzi sulla cannabis
T. Zorzi (fonte foto: Instagram, @ tommasozorzi)

È un volto noto del mondo della tv e dello spettacolo dal grande successo e molto amato, Tommaso Zorzi, personaggio televisivo ed opinionista italiano che spesso condivide con i follower riflessioni e pensieri in merito a diversi temi: in questo caso, quest’ultimo spiega di voler affrontare il tema della legalizzazione della cannabis in Italia.

Una vasta e diffusa popolarità per Tommaso, che grazie al proprio talento, alla bravura e ai progetti importanti a cui ha preso parte, gode dell’affetto e della stima di tutti coloro che hanno avuto modo di seguirlo tanto nelle sue avventure professionali, quanto su Instagram, piattaforma social dove per l’appunto gode di un grande seguito.

Mediante le stories, Zorzi si è soffermato su tale tema, precisando di essere il “meno politico possibile” e di basarsi “sui dati che abbiamo a disposizione in Italia e nel mondo”.

Il volto noto, iniziando il proprio discorso, fa cenno alla “war on drugs”, le politiche intraprese negli Stati Uniti che, spiega, Tommaso non avrebbero dissuaso nel tempo i consumatori di cannabis.

Tommaso Zorzi, le sue parole sul tema della cannabis

Volto noto e molto amato, dal grande seguito, come detto Tommaso Zorzi ha avuto modo di pronunciarsi e spiegare il proprio punto di vista sul tema della legalizzazione della cannabis, mediante le stories Instagram.

Tommaso, in merito all’Italia, spiega che “sono 6 milioni i consumatori abituali di cannabis e la cannabis vale il 39% degli affari della malavita legata al traffico degli stupefacenti. Allora ricapitoliamo, se legalizzassimo in Italia la cannabis, tra nuove entrate e risparmi allo Stato frutterebbero 7 miliardi di euro. Posti di lavoro? 35 mila posti di lavoro si stimano qualora si legalizzasse”

Zorzi ha sottolineato che attualmente la cannabis si trova ma illegale, “noi vogliamo – ha spiegato – che diventi legale e controllata”.

Poi Zorzi continua: “In Italia, e qui leggo, è il Paese europeo con le pene più severe relative ai reati connessi alla cannabis eppure il consumo di essa non è mai sceso. Ora, un Paese che fa la guerra alla cannabis, la guerra alla droga, e va a prendere i piccoli consumatori, i piccoli spacciatori, e non i grandi narcotrafficanti, è un Paese codardo”.

LEGGI ANCHE >>> Tommaso Zorzi, “provocazione” alla Rai? “Ecco il premio che mi hanno dato”

Il discorso di Tommaso continua, facendo cenno alla questione che sta tenendo banco inerente al referendum, soffermandosi anche sul commento della politica e dei diversi partiti in merito al tema.

In basso, riportate solo alcune delle stories in cui Tommaso Zorzi affronta tale tema e dice la sua sul tema, argomentando anche in altre storie condivise sul suo account Instagram.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità - 104 e news