Ancora integratori ritirati: provvedimento in via precauzionale

Si ritorna a parlare di integratori richiamati perché potrebbero essere altamente nocivi. L’ultimo precedente è di pochi giorni fa.

Integratori alimentari (AdobeStock)
Integratori alimentari (AdobeStock)

Ancora una volta il ministero della Salute interviene tempestivamente e toglie dal mercato due integratori alimentari. Un altro rapido richiamo si è verificato pochi giorni fa. L’integratore aveva lo stesso, probabile, problema segnalato anche per questi ultimi due.

La sostanza finita nel mirino delle indagini è l’ossido di etilene. Il conosciutissimo gas è utilizzato anche in ambito alimentare ma può diventare pericoloso. Per questo motivo, il ministero della salute ha proceduto ad un richiamo precauzionale per i due integratori.

I due integratori, come riportato da ilfattoalimentare.it, corrispondono ai marchi Kilocal Complex di Pool Pharma e Betamunal COD di Anatek Health. Entrambi per l’ossido di etilene ma con motivazione diverse. Andiamo a vedere nello specifico di cosa si tratta.

Integratori richiamati: i motivi

Il richiamo all’integratore alimentare Kilocal Complex riguarda la confezione da 30 capsule e due lotti sono finiti nel mirino per “sospetta contaminazione da ossido di etilene della materia prima”. I due lotti sono: G1E107 e G1D154 con il termine di conservazione (Tmc) 05/2023. Questo è stato prodotto per Pool Pharma Srl dall’azienda Nutrilinea a Gallarate, Varese.

Il secondo integratore richiamato è il Betamunal COD con la motivazione di presenza di ossido di etilene in uno degli ingredienti. La confezione di riferimento è quella da 14 bustine, numero di lotto 5961 e il termine di conservazione 12/2022. Prodotto per Anatek Health Italia Srl dall’azienda Blue Lotus Srl ad Urbino.

LEGGI ANCHE >>> Attenzione a questo integratore: è altamente nocivo

Come spesso accade in questi casi, ai consumatori si consiglia di non consumare gli integratori con i numeri di lotto segnalati. Inoltre, giusto procedere alla restituzione dei prodotti acquistati al negozio dove si è verificato l’acquisto. Per chi li avesse già consumati, l’unico augurio è che non ci siano state delle complicazioni personali.