Junior Cally, che fine ha fatto? Da Sanremo alla rehab

Vi ricordate di Junior Cally? Che fine ha fatto dopo aver partecipato a Sanremo? Dal buio alla rinascita: il momento delicato dell’artista.

junior cally
Junior Cally (Fonte Foto: Instagram)

Tutti si ricorderanno di Junior Cally, il rapper che scosse il Festiva di Sanremo con la sua personalità e il suo look – una maschera del tutto particolare – che tanto si discostavano dallo standard della competizione fino a quel momento. In molti si sono domandati: “Ma che fine ha fatto oggi?”.

È notizia dell’ultima ora che l’artista ha cancellato l’uscita del suo nuovo album, intitolato Un passo prima, quando ormai era già tutto fatto, considerando che l’uscita era prevista per il 10 settembre. Sarebbe stato un disco molto importante, scritto poco prima di entrare in rehab, dove erano raccontati tutti i disagi dovuti alla dipendenza dall’alcol, ma anche dal sesso.

Junior Cally ha chiesto comprensione da parte dei fan. La sua è una scelta di rispetto verso se stesso, ma anche verso il pubblico. Dopo la rehab sono cambiate tante cose e anche in questi casi ci vuole la coerenza, così l’artista ha dichiarato di non riuscire a fingere nemmeno con la musica. Ha lottato e sta lottando per se stesso, per stare bene e non vuole rovinare tutto ora. Anche se gli sembra di mollare la sposa all’altare, non vede altra soluzione.

Junior Cally cancella l’uscita dell’album: “La mia priorità ora è stare bene”

L’album Un passo prima di Junior Cally non uscirà. La decisione dell’artista è irremovibile. Ha spiegato che quel disco lo ha scritto prima di intraprendere il percorso di rehab, un percorso che lo ha cambiato radicalmente. L’album aveva due facce: il buio e la luce. Tuttavia, grazia all’aiuto della meditazione è riuscito a compiere un viaggio incredibile dentro se stesso, uscendone completamente trasformato. Un uomo senza maschere che ha conosciuto il suo vero io.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Junior Cally, ecco che cosa c’è dietro la maschera

Ed ecco perché il nuovo album non lo rappresenta più. Non può fingere. Ha passato l’ultimo mese in isolamento, scrivendo un diario di oltre 200 pagine. Vuole che questa esperienza entri a far parte del disco che ha definito più importante della sua vita. Vuole raccontare tutto al suo pubblico.