Matteo Bassetti aggredito in pieno giorno: è successo poco fa

Non c’è pace per Matteo Bassetti: l’infettivologo più noto della TV è stato aggredito in strada da un no-vax. Le conseguenze saranno gravi.

Matteo Bassetti (Instagram)
Matteo Bassetti (Instagram)

Non è di certo la prima volta per il virologo dell’Ospedale San Martino di Genova. Finora le minacce a Matteo Bassetti si erano però limitate alle caselle di posta elettronica e ai social network. Adesso la follia no-vax è arrivata ad affrontarlo di persona, mettendo a repentaglio la sua incolumità.

Quando le intimidazioni si tramuteranno in violenza vera e propria? Pare non mancare molto. Al momento è questa l’ipotesi che toglie il sonno a Bassetti e che muove le azioni degli inquirenti che sono già arrivati al primo indagato. Ma andiamo con ordine. Come si sono svolti i fatti?

Matteo Bassetti aggredito: l’escalation no-vax contro di lui è preoccupante

Siamo a Genova, in pieno giorno. Un uomo di 46 anni incontra forse casualmente l’infettivologo. Bassetti è un assiduo frequentatore degli studi televisivi, in ragione della sua professionalità e del vigore con cui preme per una prosecuzione della campagna vaccinale anti-Covid senza rallentamenti. Per sua sfortuna il medico è molto riconoscibile, soprattutto per i suoi “detrattori”.

A questo punto l’aggressore, auto-dichiaratosi no-vax, ha preso ad inseguirlo mentre lo riprendeva con il cellulare. A quanto pare avrebbe urlato contro il virologo slogan e frasi contrarie ai vaccini, impastando il tutto con esplicite minacce. Avrebbe detto: “ci ucciderete tutti con i vaccini, ve la faremo pagare”.

Bassetti è riuscito ad allontanarsi e a chiamare la polizia. A questo punto gli agenti hanno potuto identificare l’improvvido persecutore. É scattata la denuncia per minacce gravi, che avrà serie ripercussioni.

LEGGI ANCHE >>> Matteo Bassetti minacciato di morte: che cosa c’è dietro

Per l’infettivologo, ovviamente molto turbato dall’accaduto, non c’é davvero pace. Ancora al vaglio degli investigatori e delle forze dell’ordine, infatti, il caso degli oltre 4.000 messaggi minacciosi e di insulti ricevuti dall’uomo negli scorsi mesi. La variante più pericolosa del Covid paiono essere proprio i no-vax.