Casa, comprarla o affittarla oggi? L’analisi e il verdetto inatteso

Conviene l’acquisto o l’affitto della casa oggi? I dati degli esperti potrebbero rispondere a questa domanda, tramite una simulazione: ecco di cosa si tratta

Casa, comprarla o affittarla oggi? L'analisi e il verdetto inatteso
Casa e denaro (fonte foto: Adobe Stock)

È una delle domande più importanti che in molti, prima o poi si chiedono, quella inerente alla maggior convenienza relativa all’affitto o all’acquisto della casa, oggi: cosa emerge dalla simulazione compiuta da MutuiOnline.it, le info e i dettagli.

L’Italia è alle prese con una crisi economica importante, generata dalle situazione casuale purtroppo dall’arrivo della pandemia da Covid-19, che oltre a causare, come noto, molte morti in svariati Paesi, tra cui proprio l’Italia, ha generato anche degli effetti negativi in termini economici.

La risposta in merito a cosa fare con la casa potrebbe sembrare dunque scontata, eppure stando agli specialisti di MutuiOnline.it, come riportato da Il Giornale, la scelta migliore potrebbe essere invece quella dell’acquisto.

I dati a sostegno di tale ipotesi sono ricavati da una simulazione, partendo da un punto fisso, ovvero che l’eventuale interessato disponga delle risorse economiche adeguate.

LEGGI ANCHE >>> Furti in casa, i ladri cambiano ‘abitudini’: attenzione a questa pratica per svaligiare

Casa, affitto o acquisto oggi? La simulazione e i dati

Come detto, dunque, la simulazione di MutuiOnline.it, riportata da Il giornale, approfondisce un tema molto caro a chi potrebbe prendere in esame la possibilità di procedere all’acquisto o all’affitto di una casa.

Stando a quanto si legge, gli esperti parlano del costo dell’immobile, il 20% del totale, degli interessi relativi al mutuo, ma anche di oneri notarli e quelli accessori, nonché i costi relativi alle voci di manutenzione e condominio per venti anni.

I primi due punti in questione non troverebbero corrispondenza, poiché gli Istituti di credito non sono soliti contendere l’accensione di un mutuo a coloro che non hanno la disponibilità di una somma che possa coprire almeno il 20% di quello che va a comporre il costo totale dell’immobile.

Rispetto invece agli interessi del mutuo, questi sono all’incirca, in media, del’1,06% all’anno; i suddetti oneri presi in esame sono pari a circa 10 mila euro, mentre le voci di spesa riguardanti manutenzione e condominio vanno considerate lungo i vent’anni.

La medesima simulazione valuta anche la possibilità che l’immobile potrebbe essere ceduto e dunque, ad essere presi in esame, sono le voci che costituiscono una perdita netta.

Come si può leggere su Il Giornale, l’analisi fa emerge che il costo medio di una abitazione in 20 anni è pari a 78,199 euro.

Gli esperti di MutuiOnline.it stimano un costo totale di 264 mila euro per un immobile medio, che non comporterebbe l’impegno del 20% che, ove mai fosse investito, andrebbe a produrre i profitti al 2%.

LEGGI ANCHE >>> Case vacanze a 1 euro? Luoghi incantevoli e possibilità reali di cambiare la vita

La differenza tra l’acquisto e l’affitto sarebbe l’incirca di 111 mila euro, si legge, una cifra determinata sottraendo al costo netto ventennale di 189.703 euro, le spese che vengono effettuale da chi decide di comprare, 78.199 euro.

Si tratta, ad ogni modo, di una scelta importante che richiede valutazioni precise, il confronto anzitutto con gli esperti del settore, l’approfondimento di tale contesti oltre che la conoscenza della propria situazione.