PosteMobile, clienti furiosi: gravi problemi di rete, ecco perché

Gli utenti PosteMobile stanno riscontrando grosse difficoltà di rete, soprattutto durante le chiamate vocali. La fonte del problema è ben precisa.

PosteMobile (AdobeStock)
PosteMobile (AdobeStock)

Le offerte per gli operatori telefonici sono davvero tante, tutti i consumatori sono alla ricerca della miglior tariffa a prezzi vantaggiosi. Molti scelgono operatori non tra i più conosciuti ma che garantiscono una certa qualità.

In questo caso, i problemi sono per i clienti PosteMobile. Questi hanno notato un certo e fastidioso problema durante le chiamate. Consisterebbe nel vedere la loro connessioni alla rete disabilitata. Un grave problema dato che anche in chiamata possono arrivare messaggi WhatsApp o altro.

I problemi sono sorti, però, in un momento particolare. Tutto è iniziato con il cambio rete dell’operatore virtuale sotto copertura Vodafone. Un disservizio che va avanti da fine giugno e che ha visto coinvolti un grande numero di clienti.

La risposta ai problemi di PosteMobile

Il passaggio a Vodafone ha portato una serie di errori molto fastidiosi per i clienti. Questo, ed è giusto sottolinearlo, non si tratta di un problema momentaneo. Il servizio di connessione per il vettore semplicemente funziona così.

A certificarlo, come riportato dal sito optimagazine.com, è stato un assistente sulla pagina Facebook dell’operatore virtuale. Ad un cliente che minacciava di cambiare operatore, un impiegato di PosteMobile ha spiegato come questo sia il funzionamento attuale. Tale cosa comporterebbe una connessione internet sospesa fino al termine della chiamata.

LEGGI ANCHE >>> Illiad, clienti furiosi: ci pensa il Codacons, ecco di cosa si tratta

Ad aggiungere che, seguendo quanto affermato dallo stesso operatore, ci sarebbero dei contatti in corso con Vodafone. Così da fornire la piena disponibilità ai clienti ad avere contemporaneamente sia i servizi voce che quelli dati. Non si sa quando arriverà questa cosa ma le società sembrano indirizzate al cambiamento del sistema, vedremo nelle prossime settimane se ci saranno novità.