Punti dalle zanzare? Ecco come scelgono le proprie prede

Le zanzare sono spesso fastidiose. C’è un motivo però che le spinge a pungere in un determinato frangente proprio noi. Vediamo quale.

Zanzare (AdobeStock)
Zanzara (AdobeStock)

Con l’estate uno degli incubi di molte persone sono le zanzare con i loro morsi che causano bolle e prurito. Quando ci troviamo in gruppo però spesso c’è qualcuno che si ritrova privato di questo fastidio. Partono così subito le battute sulla presunta “qualità” scadente del sangue dell’amico non bersagliato.

Per prima cosa è bene dire che le zanzare sono portatrici di batteri patogeni. In poche parole possono trasportare alcune malattie. Soprattutto in determinati paesi, tramite le punture di questi fastidiosi animali è possibile beccarsi cose come la malaria o il virus Zika.

Non a caso dopo l’arrivo del Covid, una delle ansie dei ricercatori era che questo virus potesse essere trasportato anche tramite le zanzare. Fortunatamente però tale evenienza è stata per ora scongiurata.

Cosa attrae le zanzare?

Le zanzare sono attratte dai composti volatili presenti sulla nostra pelle. O meglio dagli odori emanati dai batteri presenti sulla nostra epidermide. Insomma più che la qualità del sangue, sono gli odori ad influenzare questi fastidiosi animali. Non è un caso infatti che tra i metodi per scacciarle via ci sia proprio quello di influenzare l’ambiente con particolari profumi come la citronella.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus: le zanzare possono diffondere il contagio?

Per combattere tale fenomeno recentemente sono stati studiati anche degli appositi braccialetti all’odore di citronella che aiutano a tenerle lontane. Naturalmente le zanzare non amano il freddo, quindi se vi trovate a casa, e ne avete la possibilità, cosa c’è di meglio che una bella “botta” di aria condizionata per mettere ko questi animali? Quindi ricapitolando: fate attenzione agli odori che emanate e cercate di stare al fresco.