Panariello e Pieraccioni, tremenda lite in tour: ecco come sono andate le cose

Giorgio Panariello e Leonardo Pieraccioni non hanno mai nascosto la loro profonda e sincera amicizia, sorprende quindi il retroscena della loro lite. Svela tutto Carlo Conti.

Incredibili compagni di campo e amici nella vita, insieme a Carlo Conti formano un incredibile trio che va avanti da circa quaranta anni. Nelle gioie e nei dolori ci sono stati sempre l’uno per l’altro.

Leonardo Pieraccioni, insieme a un amico di vecchia data di Conti, è stato testimone di nozze al matrimonio del conduttore con Francesca Vaccaro e oggi i loro due figli non potrebbero essere più uniti.

Carlo Conti ebbe invece il terribile compito di comunica a Giorgio Panariello la prematura morte di suo fratello Franchino. Un unione la loro che sembra indissolubile ma che non è certo priva di contrasti.

LEGGI ANCHE >>>“Tuo fratello è morto”, la chiamata che Carlo Conti non avrebbe mai voluto fare

Carlo Conti svela: lite tra Panariello e Pieraccioni in tour

Era il 1985 quando il destino incrociava le strade di Giorgio Panariello, Carlo Conti e Leonardo Pieraccioni, tutti e tre agli esordi hanno vissuto insieme le prime sconfitte e i primi esordi. Una macchina senza navigatore e tutta la loro passione e il loro talento che li ha portati con il tempo, e l’impegno, a raggiungere tutti i loro obiettivi.

E’ proprio Carlo Conti a svelare alcuni retroscena sulla loro amicizia sul Corriere della Sera, dove svela una lite che coinvolse Panariello e Pieraccioni durante l’ultimo tour. Pare infatti che di due ebbene un duro scontro, Conti utilizza queste parole per descriverlo “Roba da fuoriclasse, come se avessi tirato la palla in area mentre erano lì insieme.”

LEGGI ANCHE >>> Ezio Greggio come Carlo Conti, il destino in comune sorpende

Come hanno risolto? Carlo Conti ha deciso di non mettersi in mezzo e dopo una lunga dormita entrambi, da veri fuori classe, hanno capito le ragioni dell’altro e i propri rispettivi sbagli “La ragione sta sempre nel mezzo” sottolinea il conduttore. Insomma, tutto bene quel che finisce bene, daltronde la vita in tour non è priva di stress e le incomprensioni sono decisamente nella norma.