Tullio Solenghi straziato dal dolore: “Ci manchi, sembra un’eternità”

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Erano un trio, adesso sono rimasti in due: oggi è un triste anniversario, per Tullio Solenghi e per tutti noi. Le parole commosse dell’attore.

Tullio Solenghi e Massimo Lopez (YouTube)
Tullio Solenghi e Massimo Lopez (YouTube)

In principio era il Trio, questo il titolo di uno dei celebri spettacoli teatrali del terzetto più famoso della storia della comicità italiana. Parliamo ovviamente di Massimo Lopez, Tullio Solenghi e Anna Marchesi. La comicità surreale, le pillole umoristiche in salsa teatrale, le gag accattivanti, la flessibilità e l’originalità, la capacità di reinventarsi e di essere scomodi senza offendere nessuno. Qualcosa di irripetuto, e forse di irripetibile.

In principio era il trio, ma adesso tale non è più. Anna Marchesini è scomparsa ormai cinque anni fa, il 30 luglio 2016. Il collega e amico Solenghi l’ha ricordata via social con poche, significative e concise, parole.

Il Trio è per sempre, Tullio Solenghi ricorda Anna Marchesini

Cinque anni passano in fretta, ma allo stesso tempo non passano mai davvero, quando si è stati una sola cosa come Tullio Solenghi, Massimo Lopez e Anna Marchesini. Ha espresso un pensiero simile il primo dei tre, l’attore e regista teatrale genovese, per ricordare la collega defunta per le complicazioni di un’artrite reumatoide.

Parla di una mancanza che sembra protrarsi da un’eternità, Tullio. Pare essere passata un’eternità dall’ultimo spettacolo del Trio, Non esiste più la mezza stagione, nel 2008. E ancora di più dallo scioglimento del gruppo nel 1995, senza alcun rancore e rinsaldando sempre la loro amicizia anche durante la carriera da solisti.

LEGGI ANCHE >>> Ballando con le Stelle: Massimo Lopez e il retroscena su Tullio Solenghi

Anna Marchesini, del resto, pare mancare da un’eternità anche a tutti noi. Il pubblico, televisivo e teatrale, è rimasto orfano di una donna dall’umorismo inimitabile, dal carisma vulcanico e dall’intelligenza brillante. Ci manchi Anna.