Carlo Verdone, quella telefonata in piena notte: così è cambiato tutto

Un personaggio straordinario ed amatissimo Carlo Verdone: con una telefonata improvvisa di notte, nacque uno dei grandi successi, di cosa si tratta?

Carlo Verdone, quella telefonata di notte: così nacque un grande successo
C. Verdone (fonte foto: GettyImages)

È un attore, regista, sceneggiatore e comico di incredibile successo, tra i più apprezzati volti noti del mondo dello spettacolo, Carlo Verdone, protagonista di una carriera semplicemente incredibile: quel particolare aneddoto, da lui raccontato, dietro la nascita di uno dei suoi grandi successi.

Ironia, bravura, presenza scenica, simpatia, profondità, sono tantissime le qualità di Verdone, quelle che ha avuto modo di affermare nel corso della sua carriera e che lo hanno accompagnato durante il suo percorso artistico – professionale, portandolo ad essere uno dei più grandi in assoluti.

È un personaggio a tutto tondo dal profondo talento, artista poliedrico con il dono della risata e non solo, chi lo segue da tempo e con passione porta nel cuore i personaggi da lui interpretati e la dimostrazione della sua bravura, che sia cinema, televisione, teatro e tutti gli ambiti in cui ha potuto farsi apprezzare.

In particolare, nell’ambito di un’intervista rilasciata a Radio Deejay, Carlo racconta anche di un aneddoto legato alla nascita di uno dei suoi grandi successi, “L’Astrologa“.

LEGGI ANCHE >>> Alberto Sordi e Carlo Verdone: un rapporto non “troppo forte”

Carlo Verdone Top 10, com’è nato il successo de “L’Astrologa”

Una bella, approfondita ed interessante intervista rilasciata dal volto noto ed amato del mondo dello spettacolo Carlo Verdone a Radio Deejay, in particolare a Deejay chiama Italia.

Diversi i punti e i temi affrontati con alcuni focus relativi a “La carezza della memoria“, il libro di Carlo. Tra i diversi argomenti, quest’ultimo ha però anche raccontato un aneddoto che risale ai tempi di Non Stop.

I fan affezionati a Verdone sanno bene che Carlo fu notato da Enzo Trapani che lo volle proprio in Non Stop, una trasmissione dal grande successo che non a caso diede spazio e risalto a grandi personaggi. Basti pensare a la Smorfia di Massimo Troisi, o a Gatti di Vicolo Miracoli.

Tra questi, vi fu anche Carlo che racconta: “Mi ricordo che Trapani ad ogni puntata mi regalava sempre un minuto, un minuto in mezzo in più. Questo era il segno che evidentemente facevo delle cose che gli parcevano.”

Verdone aggiunge che “quando arrivammo all’ultima puntata lui mi chiamò alle undici di sera, e mi disse – imitandolo – ‘Carlo, bisogna che mi scrivi l’ultimo sketch perché qua le cose stanno andando bene. Guarda ti dò pure 10 minuti'”.

LEGGI ANCHE >>> Loretta Goggi e Carlo Conti, uniti da quell’episodio: parole emozionanti

Carlo spiega che gli rispose che non ne aveva più, erano finiti, ma la replica dell’interlocutore fu netta: “Non me frega niente, ti metti a scrivere stanotte, domani me lo porti. Dobbiamo chiudere con i botti”.

Un racconto davvero simpatico e divertente, un retroscena probabilmente poco noto, che si conclude con le parole di Carlo: “L’Astrologa è nata così, di notte. Pensavo fosse una porcheria come sketch” e invece poi, come tutti sanno, ha avuto, come gli altri sketch appartenenti a Verdone, un successo davvero incredibile.

Per guardare l’intervista rilasciata a Radio Deejay, è possibile cliccare qui; in basso, invece, il VIDEO RAI con lo sketch de “L’Astrologa”.