Buffon fa un annuncio clamoroso: a 43 anni torna in Nazionale?

Gigi Buffon, nonostante i suoi 43 anni è pronto a sognare nuovamente un Mondiale. Il portiere spera nella convocazione di Mancini.

Gigi Buffon (GettyImages)
Il portiere del Parma Gigi Buffon (GettyImages)

Gigi Buffon è senza ombra di dubbio il pilota più forte della storia. Nessuno è riuscito a durare così tanti anni a livelli così alti. Certo qualche problemino durante il percorso c’è stato, ma poca cosa rispetto a tutte le strabilianti parate compiute in questi anni. Parma, Juventus e PSG sono le tre squadre che hanno avuto il piacere di averlo tra i pali.

Nella propria carriera ha vinto 10 scudetti, 7 Supercoppa italiana, 6 Coppa Italia, 1 Supercoppa francese, 1 Campionato francese e 1 Coppa UEFA. La sua definitiva consacrazione però è arrivata nel 2006 quando vinse il Mondiale in Germania da protagonista. Resta nella storia la sua parata su Zidane poco prima dell’espulsione che tagliò il francese fuori dalla finale.

Buffon sogna il Mondiale in Qatar nel 2022

Ad oggi l’ultima partita di Gigi Buffon con la Nazionale resta quella a Manchester con l’Argentina del 23 marzo 2018. Un amichevole che vide gli azzurri sconfitti. Da quando è arrivato Mancini non è stato più convocato. Gli anni naturalmente si fanno sentire e fortunatamente, se c’è una cosa che non manca qui in Italia, sono i portieri.

Donnarumma, Meret, Cragno, Sirigu, Consigli e potremmo continuare all’infinito. L’Italia ha davvero tantissimi portieri di valore. Per il 43enne Buffon quindi diventa complicato pensare alla Nazionale. A quanto pare però lui non ha abbandonato questo sogno.

LEGGI ANCHE >>> Buffon ha deciso dove chiuderà la carriera: resta in Italia

Durante un’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport infatti ha così dichiarato: “Possiamo solo fare i complimenti a Mancini. Io non sarò mai quello che dirà: ehi ci sono anch’io. Il Mondiale in Qatar però mi serve per sognare. Certo voglio riportare il Parma in A, ma io ho bisogno di sapere che ci sarà un Mondiale. Sicuramente Mancini non mi chiamerà, ma io ho bisogno di continuare a sognare”.