2023, inondazioni catastrofiche in arrivo? L’allarme della Nasa

Uno studio condotto dalla Nasa e dall’Università delle Hawaii hanno svelato qualcosa che potrebbe verificarsi a breve e sarebbe catastrofico.

Il discorso sull’ambiente e della protezione dello stesso è sempre importante e impellente. La terra sembra sempre di più in forte difficoltà e gli ospiti non fanno nulla per risolvere una situazione che va via via peggiorando.

Lo studio effettuato dalla Nasa insieme all’Università delle Hawaii non fa stare tranquilli. Dai loro primi risultati si potrebbero verificare già nel 2030. Uno studio che andrà sicuramente approfondito ma che non deve essere dimenticato.

Lo studio pubblicato sulla rivista Nature Climate Change ha, infatti, rilevato che nel 2030 ci potrebbero essere delle inondazioni catastrofiche. E questo non sarebbe solo un evento unico ma potrebbe protrarsi nel tempo. Si parla anche di una situazione che durerebbe per ben 10 anni.

Nasa, ecco le inondazioni da dove nascerebbero

Questi eventi sarebbero causati dall’oscillazione lunare. Il ciclo naturale della Luna incide proprio sulle maree e la loro intensità. I ricercatori dicono di non sottovalutare l’attrazione gravitazione della Luna perché questa porterebbe a eventi catastrofici.

La Nasa, come riportato dal sito Money.it, nella persona di Bill Nelson ha divulgato le aree più a rischio. Sarebbero quelle molto basse e vicino al livello del mare che sono già colpite, in questi anni, dalle inondazioni. In questo specifico caso, con la combinazione dell’oscillazione lunare, questi eventi si verificherebbero con una frequenza allarmante.

Mentre, come sottolinea Phil Thompson, autore dello studio e ricercatore presso l’Università delle Hawaii, si potrebbero verificare con una frequenza impressionante, si parla di 10-15 volte al mese.

LEGGI ANCHE >>> Quando finirà il mondo? Gli scienziati hanno la data

L’allarme è stato lanciato, ci sarà tempo per approfondire e verificare tutte le possibili conseguenze. Ora la palla passa ai Governi che devono strutturare una politica che miri al salvaguardare l’ambiente, in modo da evitare problemi che sarebbero drammatici.