“Lo hanno fatto solo per Belen”: nell’ospedale è bufera

All’ospedale Giustinianeo di Padova ha fatto discutere un ordine che sembrerebbe essere stato riservato esclusivamente a Belen Rodriguez.

Belen Rodriguez toglie il fiato
foto Instagram

La nascita della figlia di Belen Rodriguez e Antonino Spinalbese, Luna Marì ha fatto nascere una polemica. Questo perché la presenza della celebrità avrebbe creato un forte disservizio. Problema che non dovrebbe esistere in una struttura pubblica come è quella dell’ospedale Giustinianeo di Padova.

Questo problema è venuto fuori grazie al lavoro della pagina social Nurse Times. Questa si occupa di divulgare le informazioni sanitarie e tutto quello che riguarda argomenti ospedalieri e nello specifico il settore infermieristico. La foto mostrata ha fatto il giro di tutte le testate nazionali.

Questa mostrerebbe un avviso sull’impossibilità di raggiungere il terzo piano dell’ospedale. La causa? Sarebbe proprio Belen. Così per accedere a quelle zone si dovrà aspettare un nuovo ordine. La pagina che ha divulgato la foto è certa di essere in presenza di un ordine di servizio. Con addirittura i pulsanti degli ascensori completamente disabilitati.

La bufera su Belen

La pagina continua sostenendo che l’area sia stata, di fatto, riservata alla celebrità e l’ordine sia stato firmato da un certo P.I. Un cartello che sicuramente ha attirato una polemica profonda e ha causato qualche problema nella struttura.

Il personale non ha voluto rilasciare dichiarazioni ma, probabilmente, questo avviso è stato fatto per rispettare la privacy sia della piccola bambina nata e sia perché la mamma è un personaggio noto. Resta il fatto che il cartello mostrato è molto particolare.

LEGGI ANCHE >>> Belen, nasce Luna Marì: la reazione dell’ex di Antonino Spinalbese

L’ufficio stampa, incalzato da Fanpage, ha assicuro che ora il reparto è accessibile a tutti pur mantenendo la privacy di tutti i degenti. Il responsabile ha derubricato l’ordine come “una cosa burlona”. Sarà vero? Probabilmente non lo sapremo mai ma sicuramente se ne parlerà ancora.