Bonus TV, come ottenerlo e perché è fondamentale usufruirne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:34

Arriva un nuovo Bonus TV, stavolta senza limiti di ISEE, per consentire il ricambio degli apparecchi con un importante agevolazione.

Bonus Tv (AdobeStock)
Bonus Tv (AdobeStock)

La firma sul decreto ad hoc del Ministro per lo Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, è arrivata. Il nuovo bonus TV consentirà di acquistare nuovi apparecchi televisivo con uno sconto del 20%.

La misura è pensata per favorire il ricambio delle TV e smaltirle in modo sostenibile, ma anche per garantire i nuovi standard di trasmissione. In cosa consiste, come si ottiene e perché è fondamentale usufruirne per continuare a godersi le trasmissioni televisive?

Bonus TV, tutto ciò che c’é da sapere sulla misura

Innanzitutto, è necessario fare una premessa: molti dei televisori posseduti dagli italiani (circa 9 milioni) non soddisfano i nuovi standard tecnologici di trasmissione del digitale terrestre Dvbt-2/Hevc Main 10. Dal primo luglio 2022, tutti i canali trasmetteranno solo agli apparecchi dotati di questa tecnologia.

Chi li possiede vedrà migliorata la qualità del segnale e potrà godersi l’alta definizione. Per tutti gli altri sarà buio completo (per tutte le informazioni al riguardo si può consultare il sito nuovatvdigitale.mise.gov.it.).

É qui che entra in scena il Bonus TV. L’incentivo, infatti, consiste in uno sconto del 20% sul prezzo d’acquisto dei nuovi apparecchi, fino a un massimo di 100 euro. Solo tre i prerequisiti per ottenerlo: la residenza in Italia, la rottamazione di un vecchio televisore (acquistato prima del 22 Dicembre 2018) e il pagamento regolare del canone di abbonamento al servizio di radiodiffusione.

Questo bonus rottamazione Tv è rivolto a tutta la cittadinanza senza limiti di ISEE, e si potrà richiedere fino al 31 dicembre 2022. Il precedente bonus del 2019 sarà non solo ancora valido, ma anche cumulabile.

Come fare per ottenerlo? Ci sarà pochissima burocrazia. Il bonus sarà erogato direttamente dal venditore come sconto sul prezzo. Dovrà essere presentata una semplice richiesta di rottamazione, con lo smaltimento dell’apparecchio a carico del venditore stesso.

LEGGI ANCHE >>>Bonus Smart Working, non lascia e raddoppia: tutte le novità

Si potrà anche affidare la TV da rottamare ad una discarica autorizzata. In questo caso un modulo certificherà l’avvenuta consegna dell’apparecchio, con tanto di relativa documentazione per richiedere poi lo sconto sull’acquisto del nuovo televisore.