Stash sotto inchiesta: cosa ha fatto il frontman dei The Kolors

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:15

Il cantante dei Kolors, Stash, è finito nei guai. Sarebbe indagato per ricettazione per aver sottoscritto dei contratti per il noleggio di auto di lusso.

Stash (GettyImages)
Stash (GettyImages)

Tutti conoscono Stash, sia per la sua esperienza ad Amici sia per le sue canzone che sono molto ascoltate. L’ultima esperienza del cantante è stata fare da giudice per il programma di Maria De Filippi, insieme ad Emanuele Filiberto di Savoia e Stefano De Martino.

Un rapporto molto importante con una delle regini della televisione italiana. Non a caso, dopo la vittoria ad Amici 14 con i The Kolors ha poi ricoperto il ruolo di professore nel 2018. E quest’anno ha fatto da giudice per il serale.

Oggi, però, non si parla di lui in ambito televisivo e musicale ma perché è finito sotto inchiesta. Una indagine che lo vede indagato per via di rapporti con una persona che è stata già condannata.

Stash nei guai: ecco perché è indagato

Il cantante e giudice di Amici di Maria De Filippi, Antonio Fiordispino in arte Stash è seriamente nei guai. E’ finito nel mirino del pm di Milano, Giovanni Polizzi. Il nome del cantante è uscito dall’indagine su Sonia Carapezzi, condannata a un anno e 6 mesi. Rea di aver sottratto alla ditta Air Protech di Magenta ben tre milioni. Ditta in cui svolgeva il ruolo di contabile.

Il cantante è rientrato in questa indagine in quanto amico della donna. Quindi con un rapporto molto importante. L’accusa sarebbe quella di ricettazione e che sta portando gli inquirenti a tenerlo sotto il loro mirino.

LEGGI ANCHE >>> Giulia Stabile futuro radioso: la vincitrice di Amici ritorna in tv?

I problemi per il cantante sorgerebbero dalla stipulazione di contratti per il noleggio di due Ferrari e una Maserati pagati dai conti che porterebbero alla Air Protech di Magenta. Il cantante, naturalmente, tramite il suo legale respinge tutte le accuse smentendo di essere a conoscenza delle attività illegali della Carapezzi. Aggiungendo che le macchine siano state noleggiate con fondi diversi da quelli sottratti dalla donna.