Trovata Saman, la famiglia vuota il sacco: ecco dov’è

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:57

Il fratello di Saman, la ragazza di origine pakistana uccisa dalla sua famiglia, ha parlato. La testimonianza sul luogo della sepoltura.

Saman Abbas (Fonte: Twitter)
Saman Abbas (Fonte: Twitter)

La raccapricciante vicenda dell’omicidio brutale ed efferato della giovane Saman Abbas si arricchisce di un nuovo macabro particolare. Sarebbe ora noto agli inquirenti il luogo di sepoltura della ragazza, ancora ignoto.

Ad indirizzare le indagini le confessioni del fratello di lei, che conoscerebbe le coordinate precise dell’occultamento del cadavere. Ormai il caso non ha più misteri, se non si considera l’inspiegabile e orrifica violenza di una famiglia contro una figli, sorella, nipote.

Il luogo della sepoltura di Saman rivelato, ora potrà riposare in pace

Il fratello minore, l’unico estraneo alla dinamica dell’assassinio della sorella e teste chiave dell’inchiesta, ha rivelato la sua fondata conoscenza sul luogo dove potrebbe essere sepolta Saman. Lo avrebbe rivelato due giorni fa durante l’udienza per l’incidente probatorio avvenuta in tribunale a Reggio Emilia.

La sua testimonianza è preziosa per dare degna sepoltura alle spoglie brutalizzate della diciottenne, ma anche per fungere da prova per l’omicidio che spendere in sede processuale.

Il ragazzo ha confessato dopo qualche diniego. Pochi giorni fa, aveva riferito alle forze dell’ordine di essere intenzionato a collaborare ma di non conoscere la precisa locazione della sepoltura della sorella. Ora si sarebbe deciso ad essere più specifico. Ora la situazione per i cinque familiari indagati per la soppressione di Saman si complica.

Il giovane ha ribadito al giudice che la sorella è stata premeditatamente uccisa per soffocamento dallo zio Danish Hasnain, con la collaborazione dei cugini e dei genitori, fuggito in Pakistan.

LEGGI ANCHE >>> Saman Abbas, le immagini che svelano la raccapricciante verità (FOTO)

Il luogo designato si troverebbe nelle proprietà dell’azienda agricola della famiglia Bartoli, nella quale lavoravano gli Abbas. Ora le ricerche degli inquirenti si intensificano. Ci saranno perforazioni e carotaggi con particolare attenzione alle serre non ancora passate al setaccio. Saman si trova lì? Se il suo ritrovamento non le consentirà comunque di “riposare in pace”, si tratta di una tappa importante.