“La mamma di Denise Pipitone se l’è cercata”: vergogna in TV

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:12

Durante l’ultima puntata di Quarto Grado sono state proferite parole ingiuriose nei confronti di Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone. Ecco quali.

Denise Pipitone e Piera Maggio (Google Images)
Denise Pipitone e Piera Maggio (Google Images)

Piera Maggio è su tutte le furie. «Tutto questo è vergognoso», ha scritto su Facebook in un post che trasuda sgomento e irritazione profonde. Una donna afflitta dal dolore per la scomparsa della figlioletta, la piccola Denise Pipitone, di riconosciuta e morigerata accortezza mediatica, stavolta non ha potuto che difendersi con veemenza.

Difendersi da quanto sentenziato ieri sera, a favore di telecamere, durante la trasmissione di Gianluigi Nuzzi, Quarto grado. Si tratta di ingiurie quasi irripetibili, velenose, fuori luogo, e dettate da una certa insensibilità mista a bigottismo.

Quarto grado, assoluzioni e accuse contro la mamma di Denise Pipitone

La trasmissione, come di consueto, è tornata ad occuparsi della scomparsa di Denise Pipitone, con ospiti e reportage d’eccezione. In particolare, questa puntata era dedicata al commento delle ultime rivelazioni sul caso, provenienti dall’ex pm Maria Angioni, che portano nuovamente ad animare sospetti su Anna Corona e Jessica Pulizzi.

Le due donne, ex moglie del padre di Denise e sorellastra della bimba, sono tra le principali indiziate. Ma un giornalista in studio, Carmelo Abbate ha ritenuto di prodigarsi in una loro difesa d’ufficio, all’insegna del garantismo e delle insinuazioni contro Piera Maggio.

«Non sarò mai complice di questo processo mediatico a loro carico» ha detto. É seguita l’invettiva contro la mamma di Denise, quasi colpevole a suo dire di una colpa atavica. “Se l’è cercata, era inevitabile” parafrasando senza sovvertire troppo il senso delle sue parole.

«Cosa doveva pensare Jessica vedendo il padre infrattato con un’altra donna? l paese mormora, lui giura di non avere un’amante, ma questa donna resta incinta. Jessica cosa doveva pensare della signora che le ha distrutto la famiglia?». Queste parole sono suonate quasi una giustificazione, dettata da empatica comprensione, per eventuali rappresaglie nei confronti della piccola Denise.

LEGGI ANCHE >>> Denise Pipitone, ondata di polemiche: “Denuncio tutti”

Piera Maggio ha replicato così: «come vi sentite a far denigrare una madre a cui è stata rapita una bambina, cercando di giustificare la violenza? […] Mi fate passare per una donna frivola leggera e senza sentimenti. Vergogna no?”».