Telegram e Signal alternative a Whatsapp: cosa sono e come funzionano

Popolarità e larghissimo utilizzo per Whatsapp, amatissima chat di messaggistica istantanea: ma come funzionano Telegram e Signal?

Telegram e Signal alternative a Whatsapp: cosa sono e come funzionano
Whatsapp (fonte fofo: PIxabay) – Telegram (fonte foto: Pixabay) – Signal (fonte foto: Twitter, @signalapp)

Quello da parte degli utenti di Whatsapp, l’app di messaggistica istantanea, è un uso larghissimo nel mondo, il cui utilizzo ha cambiato in modo enorme la possibilità di interazione e di comunicazione tra le persone: alcuni però provano e/o migrano verso altre soluzioni, tra cui le due che forse spiccano sono Telegram e Signal. Cosa sono e come funzionano?

Oltre a Whatsapp infatti, nel corso del tempo sono andati acquisendo popolarità altri servizi di messaggistica istantanea, che via via hanno avuto tra gli utenti anche qualcuno di coloro rece prima usava Whatsapp, che resta la più utilizzata con circa 2 miliardi di utenti nel mondo.

Cosa sono Telegram e Signal, come funzionano: dettagli ed informazioni.

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp problemi di sicurezza in arrivo? La novità cambia tutto

Telegram cos’è e come funziona: app, pc, desktop, web, come e dove scaricare

A prescindere da quale sia l’app scelta o ritenuta più vicina ai propri bisogni, davvero tantissimi nel mondo le utilizzano ormai quotidianamente: ma cosa c’era prima dell’avvento di questa nuova epoca? Probabilmente lo avete usato anche voi.

Focalizzandosi invece sulle altre possibilità, vi è di certo Telegram, un noto e diffuso servizio di messaggistica istantanea e broadcasting che si basa cloud; la società è stata fondata dall’imprenditore russo Pavel Durov e i client di Telegram sono distribuiti com software libero per Android, Linux, iOS, MacOS, Windows 10.

Con il suddetto servizio è possibile lo scambio di messaggi di testo tra due utenti o tra i gruppi, ma anche:

  • Chiamate vocali;
  • videochiamate cifrate punto – punto;
  • messaggi vocali;
  • videomessaggi;
  • foto e video;
  • sticker, file fino a 2 GB.

Con i canali si può inoltre trasmettere in diretta audio, video e testo agli utenti che si uniscono. Una funzione molto apprezzata è quella del timer, allo scadere del quali i messaggi possono essere autodistrutti in modo automatico dopo che siano stati visti dal destinatario.

Come Whatsapp, è possibile usufruire non solo dall’app, che si può scaricare dagli store dedicati come le altre applicazioni, ma anche la versione web / desktop.

La versione desktop deve essere installata sul pc, mentre quella Web si può utilizzare mediante il browser e non richiede un download.

Telegram è nota per essere utilizzata in virtù di chi la ritene adatta per questioni di privacy, proprio per la suddetta ragione inerente all’autodistruzione dei messaggi e dell’avvio della chat segrete. Inoltre, permette anche l’utilizzo di due numeri sullo stesso dispositivo.

Particolari questi che, però, sembrerebbero poter arrivare anche con Whatsapp, stando alle ultime novità che hanno entusiasmato gli utenti.

Signal come funziona: app, web, pc, desktop, sicurezza, come scaricare

Telegram e Signal alternative a Whatsapp: cosa sono e come funzionano
Smartphone (fonte foto: Pixabay)

Tra le altre alternative a Whatsapp, una delle più note di certo è Signal, un’applicazione di messaggistica istantanea centralizzata che permette di effettuare chat e chiamate audio-video crittografate.

L’applicazione in questione è disponibile per le piattaforme Android e iOS, e poi sul desktop per Windows, Linux e Mac. Si tratta di un software libero ed open source che è stato sviluppato dalla Signal Foundation insieme a Signal Messenger LLC; utilizza un protocollo di sicurezza chiamato Signal Messaging Protocol.

I sistemi di sicurezza di Signal coprono non solo i contenuti sviluppati all’interno dell’app ma anche i metadati delle conversazioni; inoltre non vi sono memorizzazioni delle informazioni dell’utente, riducendo quest’ultime al minimo.

Vanno sottolineate alcune funzionalità come l’autenticazione a due fattori, la possibilità come su Telegram di sfumare i volti prima che venga inviata una immagine, o ancora le chiamate di gruppo che sono criptate.

Rispetto alle funzionalità, vi è la possibilità di condividere messaggi, audio e video chiamate, anche di gruppo e crittografate; è possibile la creazione di gruppi ma non è consentito l’invio multiplo contemporaneamente.

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp: la grande novità che tutti stavano aspettando

La funzione “note personali” permette uno spazio dove ciascun utente può scrivere pensieri, memo, appuntamenti.

Per scaricare Signal va aperto l’App Store oppure il Google PlayStore, cliccare su “Installa” e attendere il completamento del download sul proprio dispositivo.

Queste, proprio come per Whatsapp e Signal, sono solo alcune delle tante funzionalità per validissimi ed alterativi sistemi di messaggistica istantanea. Vi è insomma l’imbarazzo della scelta per gli utenti.