EA sotto attacco informatico: 780 GB di dati rubati, c’entra anche FIFA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:42

La nota azienda produttrice di videogiochi EA, Electronic At sotto attacco dei cybercriminali: tanti Gigabyte di dati rubati, c’entra anche FIFA

EA sotto attacco informatico: 780 GB di dati rubati, c'entra anche FIFA
EA (fonte foto: Facebook, @@ea.it)

La nota e famosa azienda produttrice di videogiochi Ea, la Electronic Arts ha fatto sapere di aver subito un attacco informatico molto pesante con parecchi gigabyte di dati rubati relativi al codice sorgente di diversi giochi, e legati anche a FIFA, tra gli altri.

La notizia del furto subito è stata confermata dal portavoce della grande azienda alla CNN in merito al fatto che ha avuto luogo il giorno 6 giugno.

Stando a quanto si apprende, sarebbero all’incirca 780 gigabyte di dati, quelli prelevati dal server dell’azienda, relativi al codice di giochi e del motore grafico che muove titoli come Fifa, Battlefield e Madden.

Inoltre i cyber criminali avrebbero presso le mani anche su software in via di sviluppo su successive uscite, tra cui anche Fifa 22.

Insomma, un evento davvero spiacevole, sebbene l’entità dei dati sottratti viene definita “limitata“. Inoltre, viene specificato che non vi sarebbero stati registrati accessi ai dai dei giocatori. Pertanto non dovrebbero esserci problemi inerenti alla privacy.

LEGGI ANCHE >>> Facebook e WhatsApp down: perché i social network non funzionano

EA, Electronics Arts e l’attacco informatico: coinvolto anche il videogioco di simulazione calcistica FIFA

Attacco informatico al colosso EA, Electronic Arts, con 780 gigabyte di dati sottratti e i codici sorgente molti importanti, come quelli inerenti a FIFA, dunque, in questa spiacevole occasione.

Electronic Arts ha proceduto ad adire le via legali, collaborando con le autorità competenti su quanto avvenuto. Il codice sorgente che è stato sottratto ha un valore davvero importante, poiché può servire pre creare sistemi finalizzati all’ottimanti di vantaggi illeciti nel multiplayer.

È questo forse il vero scopo che si cela dietro l’attacco in questione, da parte di coloro che ora potrebbero essere in grado di vendere sul dark web le informazioni sottratte.

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp problemi di sicurezza in arrivo? La novità cambia tutto

Se non altro, come sopra accennato e sottolineato dal portavoce di EA, l’evento non dovrebbe mettere in pericolo i dati dei videogiocatori, ma sarebbe stato mirato direttamente ai codici sorgente di alcuni dei games e dei tools che vengono utilizzati per la produzione degli stessi.

Pare inoltre che non si tratti di un ransomware; stando a quanto si legge su alcuni siti di informazione, pare che gli hacker, dopo l’attacco, avrebbero già messo in vendita quanto sottratto su alcuni forum.

EA sotto attacco informatico: 780 GB di dati rubati, c'entra anche FIFA
EA (fonte foto: Facebook, @@ea.it)