Lutto nel nuoto: aveva preso il Covid, poi il dramma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:23

Aveva solo 48 anni l’allenatore di nuoto, Fabio Zanolini. L’istruttore, morto di Covid, era un punto di riferimento per i giovani atleti del casertano. 

Allenatore di nuoto morto per Covid (AdobeStock)
Allenatore di nuoto morto per Covid (AdobeStock)

Aveva preso il Covid, Fabio Zanolini, allenatore di nuoto in Campania, molto conosciuto soprattutto nel casertano. Da oltre venti anni ha allenato giovani promesse di questo sport, prima di spegnersi nell’ospedale di Maddaloni dove era stato ricoverato circa due settimane prima per aver contratto il virus.

La triste notizia della morte dell’istruttore casertano di 48 anni è arrivata questa mattina alle ore 7:00. Immediati i messaggi di cordoglio, mentre non si è fatto attendere il comunicato della Real Caserta Nuoto, la società dove Fabio Zanolini allenava da anni, lasciando numerosi atleti che lo avevano come un secondo padre.

Morto di Covid l’allenatore Fabio Zanolini

Era un vero e proprio punto di riferimento, Fabio Zanolini, allenatore ultra ventennale della Real Caserta Nuoto. Solamente tre mesi fa aveva partecipato all’ultima gara durante i Campionati Reginali Master. Il 48enne ha lasciato la squadra e tutto il mondo del nuoto campano, dove era da anni un volto noto e stimato dello sport.

Come capita spesso in queste tristi circostanze, i messaggi di cordoglio sono state decine, dove il profilo social privato di Zanolini e quello della società casertana sono stati invasi dai commenti dei tifosi appassionati e dai conoscenti.

“E’ con estremo dolore che salutiamo il nostro amico e collega Fabio Zanolini”, questo si legge sul profilo social. “Tutte le società, i dirigenti, gli istruttori e tutti gli appassionati di nuoto – prosegue il comunicato – si stringono al dolore della famiglia e di chi lo ha voluto bene”.

LEGGI ANCHE >>> Morto per Covid, i radicali da mesi lottano contro l’abbandono della categoria

Anche la Real Caserta Nuoto, società per cui Fabio Zanolini lavorava prima di morire per Covid, ha lasciato sulla propria pagina un triste addio, dove salutava l’allenatore che ha accompagnato la squadra per lunghi anni: “Hai acceso in noi una passione che ci ha portato dove, tanti, non avrebbero mai immaginato di arrivare – si legge – e tanti non avrebbero neanche pensato di portarci. Riposa in pace nell’azzurro che ha riempito la tua vita.