State attenti a questi integratori: contengono del Viagra

Alcuni integratori sarebbero stati segnalati da parte del Ministero della salute perché al loro interno conterebbero del Viagra.

Integratori contenenti il Viagra, immagine di repertorio (AdobeStock)
Integratori contenenti il Viagra, immagine di repertorio (AdobeStock)

Può capitare che alcuni alimenti vengano influenzati da altre sostanze. Proprio per questo il Ministero della salute è sempre molto attento a valutare con attenzione ciò che può o non può arrivare sulle nostre tavole. Questa volta a finire nell’occhio del ciclone sono un paio di integratori alimentari che a quanto pare conterebbero sostanze pericolose.

In particolare ci sarebbe due prodotti segnalati. Al loro interno infatti vi sarebbe il sildenafil, principio attivo del Viagra, sostanza che naturalmente ha bisogno della prescrizione medica. In particolare questi integratori potrebbero risultare pericolosissime per i cardiopatici.

I prodotti che contengono Viagra

I due integratori oggetto della discordia sono ForzaPiù formula extra forte e Potenza Max ginseng complex. Sono prodotti nel Regno Unito dall’azienda Unlimited OAOA Ltd di International House, 24 Holborn Viaduct. Al momento sono venduti dal gruppo spagnolo Green Box Supplements.

In particolare si segnalano come lotti contaminati: il ForzaPiù formula extra forte lotto 779296438 e Tmc 03/2022 e il Potenza Max ginseng complex, lotto 4589136 e Tmc 10/2022. Il Ministero della salute ha rimarcato inoltre che tali prodotti sarebbero venduti anche online e quindi di prestare in merito la massima attenzione.

LEGGI ANCHE >>> Attenzione a questo olio bio: potrebbe causarvi gravi danni

A segnalare il tutto ai Carabinieri per la Tutela della Salute del Nas ci ha pensato il sistema di allerta rapido europeo Rasff. Il consumo di questi integratori alimentari può portare a conseguenze assai gravi, specie in persone con particolari patologie. Qualora vi trovaste questi alimenti in casa è bene non consumarli. Se invece ne avete già fatto uso vi conviene consultare un medico per capire i prossimi passi da fare in tal senso.