Problemi nel franchising di Harry Potter: arrestato uno degli attori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:47

Nuovi problemi giudiziari per il prequel di Harry Potter, Animali Fantastici. È stato infatti arrestato l’attore Kevin Guthrie.

Harry Potter, Kevin Guthrie (GettyImages)
Kevin Guthrie (GettyImages)

Animali Fantastici sta diventando una vera e propria Odissea. La pellicola che è in realtà un prequel di Harry Potter sta incontrando svariate difficoltà lungo il suo cammino. Tantissime sin qui le interruzioni nella produzione a causa principalmente del Covid in verità. La pandemia però non è l’unico problema ad attanagliare quelli della Warner.

In particolare alcuni problemi giudiziari di alcuni membri del cast stanno creando non pochi grattacapi alla produzione. Qualche mese fa, con un colpo a sorpresa, la Warner aveva annunciato di aver rimosso dal ruolo di villain della nuova saga Johnny Depp. L’attore, accusato di vari reati tra i quali violenza domestica ai danni della moglie, è stato molto ghettizzato da Hollywood negli ultimi mesi. In poco tempo è stato licenziato da tutti i film ai quali stava lavorando.

Problemi per un altro attore del prequel di Harry Potter, Animali Fantastici

Al suo posto nel ruolo di Grindelwald è stato scelto Mads Mikkelsen, famoso per la serie Hannibal. La cosa non è andata giù a diversi fan che non vedono di buon occhio questo cambiamento in corsa. In casa Warner non è la prima volta che si trovano ad affrontare problemi del genere. A suo tempo Jamie Waylett, l’attore che interpretava Tiger in Harry Potter, fu costretto a saltare l’ultimo film per problemi con la giustizia.

LEGGI ANCHE >>> Incidente per Robert De Niro: problemi per il nuovo film in programma?

Ora però al gruppo si unisce un nuovo protagonista. Kevin Guthrie, che nel film recita nel ruolo di Abernathy, un impiegato del Congresso Magico degli Stati Uniti, seguace di Grindelwald, è stato condannato a 3 anni di reclusione per violenza sessuale. A quanto pare il reato risalirebbe al 2017. Nonostante voci di corridoio la Warner si è subito affrettata ad affermare che l’attore non era previsto nel terzo film della saga.