Un uomo di Trieste è riuscito a scampare al carcere ma ha sacrificato tutto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:51

Un uomo, agli arresti domiciliari per maltrattamenti, sarebbe dovuto finire in carcere per violazioni. Ma non sarà così.

Carabinieri Carcere (Adobe)
Carabinieri Carcere (Adobe)

Una storia di dolore, a tutto tondo, ha avvolto Trieste questo pomeriggio. Innanzitutto, la violenza sulle donne: l’uomo protagonista degli eventi è un 45enne costretto agli arresti domiciliari per stalking nei confronti della ex compagna.

Poi, le violazioni della misura restrittiva, che hanno impensierito le forze dell’ordine. Poi il tentativo di arresto. Infine il gesto estremo. Ecco com’è andata.

Niente carcere, niente vita

L’ossessione per la ex lo aveva costretto a condividere la casa con la famiglia d’origine. Ma le violazioni erano state diverse, non si sa se per reiterare il reato. Quando i Carabinieri sono sopraggiunti presso il domicilio imposto con i suoi, l’uomo ha capito tutto quanto stava accadendo.

Gli agenti portavano con sé un’ordinanza di revoca degli arresti domiciliari, sostituiti con la notifica di custodia cautelare in carcere, disposta a seguito delle infrazioni.

Ma il 45enne non arriverà mai al istituto penitenziario del Coroneo, dove era destinato. Sulle prime, quando i carabinieri hanno definito le motivazioni del provvedimento all’interessato, questo ha ostentato serenità e spirito collaborativo. Nessun problema psichico o segnale di turbamento è stato ravvisato. Egli aveva anche teso a rassicurare la madre e il fratello, e aveva cominciato a preparare la sacca contenente i pochi effetti personali da portare con sé.

Con serafica e imperturbabile volontà, si è diretto verso il bagno d casa. Arrivato alla finestra del palazzo nei sobborghi di Trieste, si è lanciato nel vuoto. Non c’è stato modo di impedirlo, tanto rapidamente è avvenuto il tutto. Il suo cadavere, svariati metri più in basso, ha confermato il suo suicidio.

LEGGI ANCHE >>> Suicidio in America ma alla fine lo scenario è davvero agghiacciante

Niente da fare per i tentativi di rianimazione dei sanitari del 118, giunti poco dopo. L’uomo è riuscito a scampare al carcere, ma ha dovuto sacrificare tutto il resto.