Inps, attenti a queste comunicazioni: potrebbero ingannarvi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:02

L’Inps, attraverso un comunicato ha messo in guarda tutti gli utenti dai tentativi recenti di truffa attraverso il phishing.

Inps: il sito costretto a chiudere per lavori, attacco hacker?
INPS

Le truffe digitali sono sempre più frequenti. Queste sono fatte perché molto spesso, chi utilizza certi siti, sono persone non esattamente avvezze al mondo digitale. Al comprendere quale comunicazione sia veritiera e quale fasulla.

Di solito, sono colpiti le poste italiane. In questo caso, il tentativo di truffa avviene tramite delle comunicazioni dell’Inps. Proprio per questo, l’istituto nazionale previdenza sociale ha emesso un comunicato in data 29 aprile 2021.

Il contenuto del comunicato è atto a mettere in guardia gli utenti dalle possibili truffe attraverso email phishing. Lo scopo di queste email è il solito ed è quello di prendere i dati del malcapitato. Dati che vanno da quelli del conto corrente alla carta di credito o altri strumenti di pagamento.

Inps: ecco il comunicato che mette in guardia dalle truffe

L’Inps nel suo comunicato ha descritto molto bene quali siano le comunicazioni fasulle. Tiene a precisare di tenersi alla larga da quelle email che spingono a scaricare un bollettino già precompilato oppure email in cui ci sono dei link da cliccare per ricevere un eventuale rimborso di contributi che risultano in eccesso.

Ma non è finita qui, l’istituto segnala anche che la mail in questione porta questo indirizzo: [email protected]. La particolarità è che questo indirizzo mail è realmente in uso presso l’Inps. Ulteriore cosa da sottolineare è quella di non scaricare mai eventuali documenti allegati alla mail perché sono atti a rubare dei dati specifici del contribuente.

LEGGI ANCHE >>> Poste italiane, le nuove truffe che mettono in crisi i clienti

A questo punto si tiene a precisare che la posizione del contribuente è accessibile tramite sito Inps (www.inps.it) e che l’Istituto non manda mai email con allegati o link che si possono cliccare. Quindi sarebbe cosa buona e giusta, in casi di dubbi, chiedere maggiori informazioni all’assistenza fornita dall’Inps.