Vendono un soprammobile, scoprono che vale una fortuna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:59

Una famiglia inglese ha deciso di vendere un vecchio soprammobile e si è ritrovata tra le mani una vera e propria fortuna.

Soprammobile Giambologna
Soprammobile Giambologna

Ad una famiglia inglese sarà venuto un colpo quando gli è stato comunicato a quanto avrebbero venduto un vecchio e polveroso soprammobile. L’oggetto in questione è uno struzzo di bronzo alto circa 38 cm (piuttosto inquietante). La scultura è stata valutata 1,8 milioni di sterline, lasciando letteralmente tutti a bocca aperta.

Questo curioso soprammobile, infatti, sarebbe stato realizzato dal celebre scultore fiammingo Giambologna tra la fine del XVI e l’inizio del XVII secolo. In un primo momento fu di proprietà dello scrittore Horace Walpole. Nel 1842 fu poi venduto per una cifra che convertita ad oggi è pari a circa 3mila sterline.

Un soprammobile rarissimo

Lo struzzo fu acquistato da John Dunn-Gardner, conte di Leicester e da quel momento ha fatto parte della sua famiglia sino a pochi giorni fa. I suoi eredi, infatti, hanno deciso di vendere l’oggetto in bronzo e hanno chiamato un esperto per farlo valutare. A quel punto si è scoperto che di questo particolare pezzo attualmente ne esistono solo 3 al mondo. Uno si trova al Louvre e l’altro al Fitzwilliam Museum dell’Università di Cambridge.

LEGGI ANCHE >>> Monete preziose: per gli esperti queste Lire valgono una fortuna

La statuetta a quel punto è stata affidata alle cure del Cheffins che si sono occupati di vendere lo struzzo di bronzo. La base d’asta era in una cifra compresa tra 80mila e 120mila sterline. Dopo 20 minuti di offerte però alla fine a spuntarla ci ha pensato un collezionista britannico che ha comprato il raro oggetto alla mostruosa cifra di 1.824.540 sterline. La famiglia si è detta entusiasta del risultato raggiunto, mai si sarebbe immaginata che quel soprammobile valesse tutti quei soldi. Chissà quanta storia ha da raccontare questo piccolo oggetto di oltre 400 anni che ha viaggiato per il mondo.