Vaccini, un’altra casa farmaceutica ha seri problemi in Europa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:01

Pfizer alza il prezzo dei vaccini del 60%. L’UE acquista 900 milioni di dosi per soddisfare la campagna vaccinale 2021-2022.

Vaccini - problemi in Europa (Google immagini)
Vaccini – problemi in Europa (Google immagini)

Sarebbero queste le indiscrezioni del primo ministro bulgaro Boyko Borissov, al corrente di trattative riservate tra UE e case farmaceutiche. Nello specifico, l’americana Pfizer e la tedesca BioNTech avrebbero concordato un nuovo contratto per la fornitura di 900 milioni di vaccini nel 2022 e 2023.

Il costo del vaccino sarebbe di 19.50 euro per ogni dose di vaccino Pfizer, un significativo incremento rispetto gli attuali 12 euro. In seguito alle raccomandazioni di EMA e di AIFA su AstraZeneca, Si prospetta un nuovo stop della campagna vaccinale?

LEGGI ANCHE >>> Vaccini? No, siamo chiusi per Pasqua: Policlinico nella bufera

Vaccini, quanto costano

Il prezzo dei farmaci anti-Covid non è stato mai ufficializzato. L’informazione è ritenuta di natura sensibile e dunque strettamente riservata. Il primo “leak” del costo dei farmaci, antecedente alle rivelazioni di Borissov, è avvenuto a fine 2020.

La segretaria al Bilancio, la belga Eva De Bleeker, aveva infatti inavvertitamente twittato il prezzo delle dosi di ogni specifico vaccino. Cancellato pochi minuti dopo, il post aveva fatto il giro del web. La notizia era già di dominio pubblico.

Il vaccino più economico è il controverso AstraZeneca, che ha il costo di 1.78 euro per ogni singola dose, molto inferiore al prezzo applicato da Pfizer/BioNTech, vicino ai 12 euro.

Adesso Borissov parla apertamente: il farmaco di Pfizer starebbe vedendo il suo prezzo aumentare costantemente. Sarebbe passato dai 12 ai 15, per arrivare infine ai 19.50 euro. Per ora, ciò non ha scoraggiato la Commissione Europea dallo stipulare importanti contratti per le prossime forniture.

Le dosi extra di Pfizer, anche alla luce delle complicazioni incorse per le sospensioni di AstraZeneca, saranno essenziali per sostenere la campagna vaccinale europea. Campagna vaccinale che per il momento procede a rilento in tutti i paesi dell’Unione.

In attesa dell’arrivo di altri vaccini, su tutti Sputnik e Johnson&Johnson, imprimere un’accelerazione è assolutamente necessario. Letteralmente ad ogni costo.