Emilio Fede è grave, ricoverato all’ospedale San Raffaele

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:58

A quanto pare Emilio Fede sarebbe in condizioni gravi all’ospedale San Raffaele di Milano. Ansia per amici e familiari in queste ore.

Emilio Fede - immagine di repertorio (Google Images)
Emilio Fede – immagine di repertorio (Google Images)

Una notizia terribile ha colto poco fa tutti di sorpresa. Emilio Fede infatti sarebbe stato ricoverato in condizioni critiche all’ospedale San Raffaele di Milano. A quanto pare lo scorso dicembre sarebbe stato contagiato dal covid. Dopo aver trascorso l’isolamento in un hotel di Napoli però le sue condizioni sono precipitate. A quel punto è stato subito trasportato all’Ospedale del Mare.

La notizia è stata riportata dai colleghi del Messaggero che hanno annunciato la criticità delle sue condizioni. A quanto pare il fisico di Emilio Fede inoltre sarebbe molto provato. Il giornalista dovrebbe compiere il prossimo 24 giugno 90 anni.

LEGGI ANCHE >>> Lutto nella famiglia reale inglese, non ha vinto la sua ultima battaglia

Una vita in Tv per Emilio Fede

Decano della propria professione. Emilio Fede ha cominciato la propria carriera televisiva al TG1 nel lontano 1981 dopo aver collaborato per anni con importanti quotidiani della carta stampata. La svolta della vita professionale però è arrivata nel 1989 quando si legò a Silvio Berlusconi e al nascente progetto di Mediaset.

A Cologno Monzese il giornalista ha prima lavorato a Videonews, poi a Studio Aperto e infine al suo grande amore, il TG4 del quale è stato direttore ininterrottamente dal 1992 al 2012. Le sue gag con gli inviati e gli operatori di studio sono entrati nella storia della televisione.

Negli ultimi anni ha intrapreso una battaglia legale con la stessa Mediaset per richiedere il reintegro nel suo precedente ruolo e anche il pagamento di circa 8 milioni di euro di risarcimento. Negli anni ha anche mostrato un certo impegno politico fondando anche un proprio partito. È sposato dal 1965 con Diana de Feo da cui ha avuto due figlie, Sveva e Simona.