C’è una Ferrari F50 “libera”: non si capisce di chi sia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:09

Incredibile la storia che riguarda una rara Ferrari F50. L’esemplare al momento sembrerebbe essere senza un proprietario.

Ferrari F50 (Google Images)
Ferrari F50 (Google Images)

Basta solo pronunciare il nome Ferrari per accendere la passione. Questo marchio iconico, infatti, ha scritto la storia dell’automobilismo. Trainato dai suoi eccezionali risultati sportivi, il brand è diventato uno dei più forti a livello mondiale. Così oggi non c’è persona che non ne desideri una. Le auto prodotte a Maranello oggi sono sinonimo di lusso, ma soprattutto di velocità.

Va da sé quindi che quando uno di questi bolidi si ritrova ad essere senza proprietario desti subito la curiosità di tutti. Andiamo con ordine però. Siamo nel 2019 quando al confine tra USA e Canada viene fermata una Ferrari F50. Questo particolare esemplare è molto raro. Prodotta tra il 1995 e il 1997 ne sono state fatte solo 349.

Il suo nome è dovuto al fatto che questa vettura era nata in concomitanza del 50° anniversario della casa di Maranello. Partorita da un’idea di Piero Ferrari, questa vettura è dotata di un motore V12 derivato dal propulsore della mitica Ferrari 640 F1 che guidò Mansell nel 1989. Furono fatte all’epoca ricerche di mercato che indicavano una previsione di 350 clienti.

Seguendo gli insegnamenti di Enzo Ferrari però si decise di produrne solo 349. Il Drake, infatti, riteneva che bisognava sempre produrre un esemplare in meno rispetto a quelli richiesti. Venduta all’epoca a quasi 853 milioni di lire, oggi ha un valore di circa 1,7 milioni di euro.

LEGGI ANCHE >>> Formula 1: quanto guadagneranno i piloti nel 2021?

Il curioso caso della Ferrari senza padrone

Quando gli agenti hanno visionato la vettura in oggetto, si sono subito insospettiti visto che sembrava avere un numero di telaio modificato. A quel punto la vettura è stata sequestrata dal governo federale americano che ha chiesto aiuto anche alla casa di Maranello per capire la genesi di questa vettura.

Ne è venuto fuori che nel 2003, la macchina era stata sottratta a Paolo Provenzi da un lussuoso hotel di Imola, pochi giorni dopo il suo acquisto. Lo sfortunato proprietario della F50 non aveva avuto più notizie della propria vettura sino a qualche mese fa. Insomma tutto risolto a quanto pare? Invece no.

A quanto pare, infatti, la vettura sarebbe stata messa regolarmente all’asta online nel settembre del 2019. Ad acquistarla sarebbe stato Mohammed Alsaloussi, un appassionato di auto, proprietario della collezione Ikonick Collection. L’uomo avrebbe, a quanto pare, sborsato 1,2 milioni di euro per averla.

Gli inquirenti stanno quindi indagando per capire a chi dare questa Ferrari, che per il momento riposa in un garage governativo degli Stati Uniti. La vettura ha percorso in questi 25 anni poco meno di 20mila chilometri, quindi è praticamente nuova. Nei prossimi mesi un tribunale deciderà come risolvere il caso.