Rapinatori entrano in casa, poi il gesto agghiacciante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:08

Un paio di rapinatori sarebbero entrati nell’abitazione di un’anziana signora nel cuore della notte compiendo un gesto agghiacciante.

Quando un rapinatore individua la propria vittima, spesso e volentieri cerca una persona fragile, possibilmente sola. Insomma qualcuno che non possa in alcun modo creare dei problemi al momento del colpo. Molte volte questi malviventi sono dei veri e propri professionisti, che si occupano della rapina in pochi minuti.

Questa volta a farne le spese è stata un’anziana signora di 68 anni, residente a Noventa Padovana. L’anziana si è ritrovata, infatti, improvvisamente legata e derubata dei suoi averi da due persone che sono entrate sino in casa sua. Ma andiamo con ordine.

LEGGI ANCHE >>> Sfuggono alla Polizia, ma si schiantano contro suv: rapinatori arrestati

I due rapinatori avevano le chiavi di casa?

La donna vive in via Cappello 82 e nella notte di mercoledì aveva visto una persona nel suo giardino, nascosta dall’oscurità, ma non gli aveva dato peso. Alle 2:30 poi la donna si è ritrovata faccia a faccia con due uomini che avevano accento veneto, che l’hanno legata. I rapinatori fortunatamente non le hanno fatto del male, ma prima di andare via hanno rubato generi alimentari per un ammontare di 120 euro. Inoltre hanno anche sottratto all’anziana bancomat e pin.

I due rapinatori poi, per completare il colpo, sono fuggiti via con la macchina della donna. Si sono inoltre fermati ad un ATM per prelevare 500 euro dal conto della signora. Fortunatamente la 68enne si è riuscita a liberare così da dare l’allarme. Il fatto ha destato enorme polemica tra i politici del posto.

Secondo quanto riportato da Padovaoggi, il vice-presidente della provincia avrebbe addirittura richiesto le dimissioni dell’assessore alla sicurezza del comune di Noventa per quanto accaduto. L’anziana ha sostenuto la tesi secondo cui i due rapinatori sarebbero già stati in possesso, in qualche modo, delle chiavi di casa sua. Effettivamente al momento non sono stati rinvenuti segni di effrazione, ma i Carabinieri continuano ad indagare sull’accaduto.