Era la prima volta che vedeva la neve: bambino muore di freddo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:39

Aveva solo 11 anni ed è morto a causa dell’ipotermia provocata dal fortissimo freddo. Era la prima volta che vedeva la neve.

 

Cristian Pavon Pineda, 11 anni, è stato trovato morto nel suo letto accanto a suo fratello minore lunedì scorso quando le temperature sono precipitate a causa della glaciazione artica in America del nord e la famiglia non è stata in grado di riscaldarsi.

La famiglia del ragazzo del Texas, il quale è morto congelato dopo che la casa ha perso energia durante il gelo la scorsa settimana ha citato in giudizio le società elettriche coinvolte per un importo di $ 100 milioni.

La causa attribuisce la colpa alle società di servizi pubblici della regione, all’operatore della rete elettrica ERCOT e al fornitore di energia elettrica Entergy, ritenendoli responsabili della tragedia.

Tempesta artica in Texas: muore un bambino di ipotermia, la famiglia denuncia la società elettrica

La famiglia Pineda sta accusando i fornitori di grave negligenza e afferma che le società “non sono riuscite ad avvertire le persone delle condizioni pericolose e hanno fornito indicazioni incomplete ai clienti”.

Si ritiene che almeno 47 persone negli stati meridionali siano morte come conseguenza diretta della tempesta.

“Era la sua prima volta nel vedere la neve. Ecco perché era eccitato fuori “, ha detto la madre di Cristian, Maria Elisa Pineda, a The Houston Chronicle. “Tutto è andato bene. Quel giorno era felice. Non era affatto malato. “

Domenica, la signora Pineda ha scattato foto e video di suo figlio che gioca nella neve indossando una felpa rossa. Dopo mezz’ora è entrato a scaldarsi, i guanti inzuppati per il gioco.

La mattina è stato ritrovato privo di vita, che non rispondeva ai richiami della madre, congelato nel suo letto.