Mara Carfagna, la Ministra per il sud del governo Draghi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:00

Mara Carfagna dopo 10 anni torna in Consiglio dei Ministri: Mario Draghi l’ha voluta come Ministra per il sud e per la coesione territoriale

  • Nome: Maria Rosaria Carfagna
  • Ministero: Ministra per il sud e la coesione territoriale
  • Partito: Forza Italia
  • Data di nascita: 18 dicembre 1975
  • Luogo di nascita: Salerno
  • Età: 46 anni
  • Professione: Politica
  • Titolo di studi: Laurea in Giurisprudenza
  • Account social: https://www.facebook.com/CarfagnaMara

Quello di Mara Carfagna è uno dei nomi più noti tra gli esponenti di Forza Italia. Berlusconiana del secondo ciclo, è eletta alla Camera dei Deputati già nel 2006. Da quel momento ricopre diverse posizioni istituzionali. Dal 2008 al 2011 è stata alla guida del Ministero delle pari opportunità del governo Berlusconi IV. Nel corso di questa legislatura è stata nominata vice presidente della Camera dei Deputati.

Mara Carfagna, la biografia: da Miss Italia a Ministra del Governo Draghi

Maria Rosaria Carfagna, comunemente nota come Mara è uno dei grandi ritorni in Consiglio dei Ministri. Non è nuova a quelle poltrone dell’emiciclo, nel 2008 fu infatti nominata come Ministra delle pari opportunità. Era un’altra Carfagna. Sicuramente molto più berlusconiana di quanto non lo sia oggi.

I suoi inizi nel mondo della politica arrivano dopo le sue esperienze a Miss Italia, prima, e da soubrette televisiva poi. Consegue la maturità presso il Liceo Scientifico “Giovanni da Procida” di Salerno e il diploma di ballo presso la scuola del Teatro San Carlo di Napoli. Continua la sua formazione di ballerina a New York, studia recitazione e per dieci anni si dedica allo studio del pianoforte in conservatorio. Nel 1997 è eletta “Miss Prima dell’anno 1997” e partecipa direttamente alle finali di Miss Italia, dove si classifica al sesto posto e conquista la fascia di Miss Cinema. Nel 1997/98 è una delle co-presentatrici di Domenica in, in quell’edizione condotta da Fabrizio Frizzi.

Poi la folgorazione della politica. La figura di Mara Carfagna ha acquisito un peso notevole per il suo impegno nella causa dell’empowerment femminile. È lei una delle prime a lavorare a stretto contatto con il mondo delle donne all’interno del partito di Forza Italia. Nel 2004, inizia a coordinare il movimento femminile del partito azzurro in Campania. Il suo arriva nel 2006, quando si candida alle Politiche e viene eletta alla Camera nella Circoscrizione Campania 2, ricoprendo poi l’incarico di Segretario della Commissione Affari Costituzionali.

LEGGI ANCHE >>> Mara Carfagna, mamma a 44 anni: ecco il nome del compagno e futuro papà

LEGGI ANCHE >>> La politica di Draghi, quali le priorità del futuro Premier

La battaglia allo stalking e Voce Libera, il quasi addio a Forza Italia

Tra le battaglie più importanti combattute da Mara Carfagna c’è sicuramente quella contro lo stalking. È la principale promotrice della legge, introdotta nel 2009 dal decreto Maroni (articolo 7), che istituisce tale reato. La norma introduce nel codice penale l’articolo 612-bis, dal titolo “atti persecutori”. Ha inoltre inserito questo istituto tra le aggravanti del reato di omicidio.

Mara Carfagna e Maroni

Negli ultimi mesi del 2019, in seguito alla nascita di Italia Viva di Matteo Renzi e Azione di Carlo Calenda, è sembrata molto vicina all’addio agli azzurri di Forza Italia. Passaggio che forse, anche a causa della pandemia, è stato bloccato. Nel 2020 Mara Carfagna ha dato vita all’associazione Voce Libera:

“Crediamo che il Paese abbia bisogno del contributo di tutti, così abbiamo deciso di metterci in gioco e di chiedere a esperti, professionisti, amministratori, cittadini di fare altrettanto. Per ottenere i risultati che servono all’Italia, dobbiamo rimboccarci le maniche tutti insieme. Adesso a farlo c’è anche Voce Libera”.

Anche gli ultimi mesi di Mara Carfagna sono stati tutt’altro che sereni all’interno di Forza Italia, al punto che alcune voci vorrebbero il Presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi non troppo entusiasta della sua nomina a Ministro, preferendo al suo posto l’assegnazione a Antono Tajani di un ministero con portafoglio

Mara Carfagna: la vita privata, il suo compagno Alessandro Ruben

Mara Carfagna ha un compagno, Alessandro Ruben, avvocato e politico, già in Parlamento nelle file del Popolo delle Libertà. La coppia nel dicembre del 2020 ha avuto una bambina, Vittoria.

Precedentemente Mara Carfagna era legata a Marco Mezzaroma, nipote di Roberto e Pietro Mezzaroma (già noto agli onori delle cronache per la guida del Siena Calcio, ndr). I due si sono sposati il 25 giugno 2011. Il testimone della sposa, in quell’occasione, fu Silvio Berlusconi, mentre quello dello sposo è stato Giuseppe De Mita, nipote di Ciriaco. Dopo circa un anno di matrimonio i due si separano.

Nel 2013 ecco comparire l’avvocato romano Alessandro Ruben. Come Mara Carfagna, anche lui ha già un matrimonio alle spalle e la nuova relazione è stata vissuta lontano dai riflettori. Classe 1966, già consigliere dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Ruben ha una figlia nata nel 2004 dal precedente matrimonio.