Forte scossa di terremoto nell’Adriatico: interessata la costa abruzzese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:29

Scossa di terremoto questa mattina al largo di Pescara, avvertita anche dalla costa, paura per possibili altre scosse.

Terremoto
Terremoto

Forte scossa di terremoto questa mattina al largo della costa abruzzese. Il movimento, avvertito indistintamente anche dalla costa, ha provocato non poca apprensione nei cittadini che, già svegli, o allertati dalla scossa, hanno potuto, di fatto, avvertirla. La preoccupazione riguarda la possibilità che questo possa essere soltanto una sorta di avvertimento in vista di una scossa più forte. Troppo vivo il ricordo delle scosse che colpirono profondamente la regione qualche anno fa.

Vivo, inoltre, il ricordo dei recenti fenomeni sismici in Italia ed in Europa. Le scosse in Veneto e Sicilia, Emilia Romagna e Calabria, verificatesi nei mesi passati non fanno di certo ben sperare, o quanto meno mettono apprensione tra i cittadini. Una nuova scossa getterebbe nel panico l’intera popolazione, ancora scioccata dagli eventi di qualche anno fa. Scene di vero e proprio panico, con scosse di terremoto dalla violenta intensità.

LEGGI ANCHE >>> Violentissimo terremoto in Nuova Caledonia e Loyautè: confermato tsunami

LEGGI ANCHE >>> Nuova Caledonia ancora scosse: le sirene d’allarme mettono i brividi (VIDEO)

Forte scossa di terremoto nell’Adriatico: tutti i dati del fenomeno

Un terremoto di magnitudo ML 3.5 è avvenuto nella zona: Adriatico Centrale (MARE), il

  • 13-02-2021 05:28:11 (UTC) 2 ore, 50 minuti fa
  • 13-02-2021 06:28:11 (UTC +01:00) ora italiana

con coordinate geografiche (lat, lon) 42.515.27 ad una profondità di 22 km.

Il terremoto è stato localizzato da: Sala Sismica INGV-Roma.

A questo punto si attenderà un po’ di tempo per realizzare che probabilmente potrebbero non esserci altre scosse. Ma gli abruzzesi non si fidano, troppe volte è successo di scossi meno intense che ne annunciavano altre molto più profonde. Si dovrà quindi attendere e sperare nello scampato pericolo. Troppo vivo il ricordo di altre tristi situazioni. Gli abruzzesi lo sanno, e sanno che non vogliono più rivivere certe situazioni.