15enne vittima del branco: picchiato alla fermata dell’autobus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:40

Ancora un’aggressione, ancora il branco che agisce con violenza feroce contro un ragazzo di 15 anni, solo contro tutti.

E’ successo ad Elmas, nel cagliaritano. Un ragazzo, di 15 anni, aggredito con ferocia dal branco, da un gruppo di ragazzi che l’ha raggiunto e circondato seguendo uno schema già prestabilito. Volevano punire il ragazzo, volevano che pagasse per essersi fidanzato con una ragazza del posto. Questa la sua colpa, questo il motivo dell’aggressione. Il giovane, raggiunto alla fermata dell’autobus, che avrebbe dovuto riportarlo a casa, ha dovuto chiamare suo padre per essere portato in pronto soccorso, sanguinante.

Aveva raggiunto Elmas, in autobus, per vedere la sua fidanzata, residente in quella zona, ma al momento di ritornare a casa, mentre i due aspettavano l’autobus alla fermata prestabilita, un gruppo di ragazzi più grandi li ha raggiunti. Hanno circondato il ragazzo e davanti alla sua fidanzata lo hanno pestato a sangue, per aver violato quel territorio, per essersi messo con una ragazza del posto, questa la colpa del ragazzo, questa la sua responsabilità.

LEGGI ANCHE >>> Sola al buio, 21enne violentata dal branco: nessuno l’ha soccorsa

LEGGI ANCHE >>> Diciottenne in coma dopo il pestaggio del branco: erano in cinque, Rom

15enne vittima del branco: si cercano gli aggressori del giovane ragazzo

Sul posto le forze dell’ordine, prontamente allertate, hanno da subito disposto una serie di indicazione per fare in modo di rintracciare nel più breve tempo possibile gli aggressori del 15enne. Le videocamere di sorveglianza, presenti nella zona, potrebbero, in questo caso fornire il giusto aiuto, perchè posizionate in modo da poter riprendere al meglio tutta la scena.

Soltanto pochi giorni fa, un altro caso di violenza del branco contro una ragazza aveva sconvolto l’opinione pubblica. Con la ragazza, molto giovane, profondamente turbata dalla violenza ricevuta, al punto da dichiarare di non voler più proseguire gli studi, di non voler ritornare in quella scuola, dove il branco, più volte l’aveva aggredita.