Paragone scettico, difficile ricucire: non si dimenticano i temi

Gianluigi Paragone torna a parlare del tavolo politico di questi giorni, con il consueto scetticismo che accompagna tutti gli osservatori

Renzi non farà un passo indietro sui temi che lo hanno accompagnato fino ad oggi. Lo ha detto Gianluigi Paragone nel corso di una intervista a Fanpage.it. Secondo l’ex giornalista di La7, il Presidente della camera Fico dovrà sbrigare delle belle beghe. E’ di fatto impossibile che Renzi faccia un passo indietro, ma allo stesso tempo suonerebbe strano vedere il Movimento cinque stelle cedere il passo su un tema da campagna elettorale.

Le parole di Paragone a Fanpage sono dure in materia di sanità. Il Pd in questi giorni ha aperto a nuovi investimenti sulla salute, senza escludere l’utilizzo del MES. Uno strumento che potrebbe essere preso anche solo in parte, rappresentando così una via mediazione tra le parti che partecipano a questo dibattito. Secondo Paragone, però, questa sarebbe comunque una sconfitta. “La spesa sul settore sanitario è una delle più importanti sfide di uno Stato, come la scuola. Se lo vuole fare la Bce, facendo finalmente da market maker, è un conto. Se dobbiamo indebitarci, anche con i tassi più bassi che ci siano, per me non ha senso”. Una posizione da sempre coerente quella dell’ex Direttore de La Padania, uscito dal Movimento dopo il suo passaggio nel campo dei pensatoi europeisti.

LEGGI ANCHE >>> Paragone vs Patuanelli: Pmi ai gestori energetici, il cittadino resta nudo

LEGGI ANCHE >>> Mattarella ha scelto e Renzi ha consegnato la sua black list: il Paragone pensiero

Paragone scettico, difficile ricucire: non si dimenticano i temi. Intanto l’ex giornalista mantiene la sua posizione

In un parlamento che nasceva a trazione fortemente antieuropeista, l’unico ancora di quell’idea è proprio Paragone. L’accusa nei confronti dei suoi ex compagni di partito è dura, rei di non esistere più fuori dal perimetro parlamentare. E sull’alleanza con Renzi non risparmia toni sprezzanti “Il M5s si è mangiato tutto, ma visto che ha continuato a dire ‘mai più con Renzi’, vedremo adesso chi sono i paraculi”. Paragone, dopo l’uscita dal Movimento Cinque Stella ha anche creato un suo movimento, ‘No Europa per l’Italia – Italexit con Paragone’. Un modo chiaro di mantenere la posizione. Per questo, secondo lui, nessuno lo ha cercato in questi giorni “La mia esclusione conferma che io sono rimasto l’unico anti-sistema. Conte è una perfetta damigella del potere”.