2 euro che valgono oro: chi trova queste monete trova un tesoro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:16

Tesoro inatteso in casa? Potrebbe succedere. Occhio alla moneta da 2 euro praticamente introvabile. Qual’è.

euro-1-2 (1)Tesori nascosti nelle più improbabili situazioni. Parliamo di monete, parliamo di errori di stampa o di pezzi celebrativi. Parliamo di occasioni, insomma, impresse per sempre su una delle facciate di una monete. I casi sono migliaia, forse di più. Quelli riguardanti errori, anche. Basti pensare alla Mole Antonelliana finita per sbaglio sulle monete da 1 centesimo invece che come abitualmente su quelle da 2. Errore molto particolare che ha generato la caccia all’1 centesimo sbagliato.

Altro caso ad esempio quello della moneta da 1 euro tedesca, con sopra le vecchie nazioni aderenti all’euro, senza tenere conto di quelle aggiuntesi nel tempo. Altro errore, altra corsa ad accaparrarsi la moneta introvabile. Magari qualcuna sarà capitata tra le vostre mani senza nemmeno saperlo. Magari è stata in vostro possesso ma chiaramente nemmeno, spesso, si riesce, al volo ad accorgersi di certi errori, di certe versioni sbagliate, diciamo cosi.

LEGGI ANCHE >>> Europeisti: salta il sostegno di Vitali. Ha cambiato idea nella notte

LEGGI ANCHE >>> Vincite per 2 milioni d’euro: ma il furbetto con il sussidio statale non dichiara

Occhio alla moneta da 2 euro introvabile: i veri tesori nascosti

Il caso forse più noto, di tesoro nascosto sotto le sembianze di una comunissima monete da 2 euro è quello riguardante la moneta belga emessa nel 2007 raffigurante il volto di Alberto II di Belgio. Errori di cornice e di concezione della moneta stessa hanno fatto in modo che il pezzo fossa in vendita su Ebay alla cifra incredibile di 39mila euro. Al di la di errori e tutto il resto, la moneta acquisisce maggiore prestigio considerata la successiva abdicazione proprio di Alberto II, in favore di suo figlio Filippo.

Altri esempi molto particolari? Le monete del Principato di Monaco, dalla particolare concezione e caratterizzate dal fatto di essere prodotte in numero molto ristretto.