Scontro sulle riaperture, le critiche di Fontana: penalizzate le attività

Il bello delle regole, solitamente, è che servono ad avere delle indicazioni chiare: non è il caso delle riaperture.  

Fontana
Fontana (Tgcom)

Questa volta il timeing cambia, e forse bene che sia così. Da lunedì tutta Italia sarà zona gialla, e non da domenica come è stato in passato. Verosimilmente questo per evitare che il primo weekend di moderata libertà possa vedere esplodere le grandi città, ricordiamo ancora: zona gialla e cashback che immagini ci hanno restituito di Milano sotto natale.

Dunque, nelle intenzioni del ministro e del suo staff realisticamente c’è la voglia di stemperare l’euforia su una settimana. Ricominciando di lunedì sarà difficile che ci possa un assalto a bar e ristoranti, se fosse invece accaduto domani ogni posto avrebbe spalancato le sue porte.

LEGGI ANCHE >>> Conte si è dimesso: la Lombardia fa ancora i capricci e il virus?

LEGGI ANCHE >>> Lombardia zona rossa, il presidente Fontana: “Pronto ricorso al Tar”

Scontro sulle riaperture, le critiche di Fontana: penalizzate le attività. Al governatore lombardo segue il partito

Dura la reazione del Presidente lombardo Attilio Fontana, “A differenza delle situazioni antecedenti la zona gialla scatterà lunedì e non domenica”. E’ quanto scrive sui suoi canali social il governatore della Regione Lombardia Attilio Fontana. “Non ci resta che prenderne atto perché la decisione è sopra la nostra testa e al di là delle nostre volontà. Sicuramente penalizzate le tante attività già pronte a ripartire da domenica”.

Anche il leader del suo partito, Matteo Salvini segue “Dopo i ricorsi e le denunce fatte dalla Regione, la Lombardia torna in zona gialla. Bene, i cittadini hanno fatto enormi sacrifici e lo meritavano già da tempo” schierandosi al fianco del suo presidente come fatto da inizio crisi.

Intanto sono confermate tante delle misure limitative, dal “coprifuoco”, compreso tra le 22 e le 5, fino alla chiusura in tutto il Paese di cinema e teatri. Interrotti anche spettacoli dal vivo e attività sportive. Nulla cambia sull’obbligo di indossare la mascherina, anche all’aperto, oltre al distanziamento sociale. Quelle che fino ad oggi sono stati individuati come i veri strumenti per combattere il Covid.