Crediamoci nel lieto fine, quando le forze dell’ordine aiutano un anziano

Qualche volte, anche oggi, ci dobbiamo imporre di credere nei lieto fine. A ricordarcelo una bella storia che arriva dalla provincia di Venezia

Portafogli smarrito
Fonte Pixabay

La soglia di povertà in Italia è altissima, ed è possibile immaginare che ci sia gente che fatichi seriamente ad arrivare a fine mese. Così dalla provincia di Venezia arriva una bella storia. Seguita da una brutta storia. Ma analizziamo una storia per volta.

Ci troviamo a Mirano, appunto nel Veneziano. Un anziano entra in un supermercato e si intasca delle cioccolate. Un gesto orribile, che non sfugge all’attenzione del gestore del supermercato. Allora i responsabili della struttura chiamano prontamente le forze dell’ordine per mettere in ferma il ladro. Ci vorrà poco perchè l’anziano, rattristato, confessi tutto subito e spieghi che voleva acquistare i dolcetti per i bambini che uscivano da scuola. Non aveva soldi con se però, e allora ecco qui la furbata.

Una storia che sarebbe potuta finire in tutti i modi, e che invece ha deciso di concludersi in quello più opportuno. I due carabinieri hanno messo mano al portafogli, ed hanno acquistato la refurtiva. Una spesa di pochi euro. E dopo aver redarguito duramente il signore, lo hanno lasciato andare. Ovviamente il tutto alla presenza del gestore del supermercato che aveva fin da subito scongiurato l’ipotesi di sporgere denuncia. Sarebbe stato inutile e inopportuno.

LEGGI ANCHE >>> Alberto Matano, vittima di un furto d’identità: l’appello ai follower

LEGGI ANCHE >>> Spietato covid: si prende la vita di Claudia il giorno del suo compleanno

Crediamoci nei lieto fine, quando le forze dell’ordine aiutano un anziano. Poi il dark side of the moon

Dopo i fatti, è però arrivato il tribunale dell’inquisizione. Quello dei social. Senza un apparente motivo, sull’anziano signore si è scatenata l’ira funesta. Lo racconta anche Saverio Tommasi di Fan Page sul suo profilo Facebook.

“Sia chiaro – scrive Tommasi – nessuno mette in dubbio che rubare sia un reato, ma è lo stesso codice penale che non punisce i furti ridicoli. Apritelo, il codice Rocco a cui siete così affezionati”. E poi chiosa con un’osservazione sempre giusta “Dirò di più: se di fronte a un nonno che ruba una cioccolatina per i nipotini in un grande supermercato, non sentite un’ingiustizia mondiale, devastante, se di fronte a un povero scegliete sempre di stare dalla parte del ricco, siete dalla parte sbagliata dell’umanità.”

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base