Il premier Conte alla Camera per la fiducia, Salvini: “Elezioni subito”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:54

Conte questa mattina terrà il suo discorso alla Camera per chiedere la fiducia al Parlamento e sperare per il suo esecutivo.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte (Facebook)

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sarà questa mattina, alle ore 12 alla Camera per chiedere la fiducia nel primo dei due rami del Parlamento. Una maggioranza che potrebbe in questo caso essere trovata senza problemi, almeno in teoria, dall’attuale Governo. Il problema resta il Senato, e resta l’attesa per comprendere se nella giornata di domani, anche nell’altro ramo del Parlamento si possa ottenere un’agibile conferma.

Nel frattempo dai banchi dell’opposizione è chiara la richiesta di elezioni anticipate, o in ogni caso un nuovo Governo che però sia di centrodestra. Il leader della Lega Salvini, avanza le sue richieste, in un clima già rovente. La situazione attuale non è certo delle migliori, ed il dubbio assale i protagonisti dello scenario politico, probabilmente no del tutto convinti, singolarmente, che la situazione possa evolversi andando esclusivamente a loro vantaggio.

LEGGI ANCHE >>> Renzi annuncia le dimissioni dei ministri di Italia Viva

LEGGI ANCHE >>> Renzi a tutto campo, il rottamatore ne ha per tutti: dura risposta alle veline di Casalino

Il premier Conte alla Camera per la fiducia: l’incertezza regna sovrana

Conte a questo punto ha poche strade davanti a se, la scelta di andare in Parlamento e di consumare li, in quei luoghi, la crisi, cosi come successe nel primo suo Governo, quando si trovò di fronte all’uscita di scena dell’altro Matteo, Salvini. La ricerca della fiducia in Parlamento per trovare nei luoghi della democrazia massima, i numeri per andare avanti e provare a dare un segnale forte, politico, all’interno scenario politico e sociale del paese.

Si spera nei responsabili, cosi definiti negli ultimi giorni. Ma non è escluso un tentativo estremo di Italia Viva di ricucire i rapporti  con la maggioranza e provare a trovare una nuova collocazione nei sottili equilibri del Governo.